iscrizionenewslettergif
Politica

Nuovo ospedale: botta e risposta Saffioti-Cisl

Di Redazione13 febbraio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Carlo Saffioti

Carlo Saffioti

BERGAMO — “Nessuno ha mai pensato di tacere o non approfondire le criticità che sono emerse in merito alla nuova sede degli Ospedali Riuniti. Verificare la correttezza di tutti gli atti è anzi precipuo interesse di chi ha la responsabilità politica della sanità lombarda”. Lo ha detto l’ex vicepresidente del consiglio regionale Carlo Saffioti commentando le critiche avanzate dalla Filca Cisl sulla situazione del nuovo ospedale di Bergamo.

“Io stesso (e fanno fede gli interventi riportati dalla stampa) ho sempre sostenuto che – una volta che sarà stato definito e completato l’iter dei collaudi e quando si avranno le relazioni finali – sarà possibile capire se ci sono stati errori e colpe, nonché chi ne debba portare la responsabilità (La progettazione? La direzione lavori? L’esecuzione? La gestione di tutta l’operazione?). Ma è solo allora che si potrà avere un quadro esatto dei costi reali” ha detto l’esponente del Pdl.

“Quel che è certo è che l’Azienda Ospedaliera non dovrà pagare un euro in più rispetto a quello che è stato fatto. Per ora, si può dire che una parte significativa degli aumenti rispetto all’originario stanziamento è relativa a opere aggiuntive e allo straordinario aggiornamento tecnologico delle strumentazioni dell’Ospedale.Un conto però è esercitare una forte (e magari pure estremamente puntigliosa) attività di controllo e di verifica, altro è esercitarsi in quello che sembra essere diventato il più diffuso sport provinciale: la caccia a tutti i costi al difetto. Un conto è fare una critica costruttiva, altro è demolire. Definire (come è stato fatto) il nuovo Ospedale di Bergamo una “vergogna” mi sembra rientri nella seconda categoria”.

“Ci saranno tempi e modi per fare chiarezza sulle criticità e per verificarne le responsabilità. In questo momento ritengo più utile guardare avanti, capire le straordinarie potenzialità del nuovo Ospedale (che ci sono nonostante vada cambiata qualche maniglia di porta) e impegnarci tutti per farne il volano per una nuova, più efficace e più efficiente razionalizzazione della rete ospedaliera (non solo provinciale)” aggiunge Saffioti.

“Ci tengo poi a ricordare l’impegno trasversale di tutti i consiglieri regionali bergamaschi (in particolare, quello dell’allora assessore Marzio Tremaglia e, mi si consenta dirlo, del sottoscritto) come protagonisti di quel grande sforzo che fece sì che la più parte del finanziamento straordinario dato dal Governo all’edilizia sanitaria della Lombardia venisse attribuito alla provincia di Bergamo. Fu così possibile dare il via alla realizzazione del “Giovanni XXIII” (sogno che sembrava irrealizzabile), nonché a quella del nuovo ospedale di Piario-Clusone e all’ammodernamento degli ospedali di Treviglio e di Seriate. Colgo l’occasione (lo si fa troppo di rado) anche per ringraziare tutti gli operatori sanitari (dalla direzione a tutti i dipendenti) per la straordinaria prova di efficienza che hanno dato nell’organizzazione del trasloco” conclude il pidiellino.

A stretto giro la risposta della Filca-Cisl: “Ha stupito l’intervento di Carlo Saffioti, durante il sopralluogo al nuovo ospedale di Bergamo, che se l’è presa con le affermazioni che Gabriele Mazzoleni, segretario generale della Filca Cisl, aveva lanciato dal palco del congresso della sua categoria nei giorni scorsi” si legge in un comunicato stampa.

Il consigliere regionale ha detto che “dovrebbe vergognarsi chi si vergogna dell’Ospedale. Siamo convinti – risponde Mazzoleni – che la nuova struttura ospedaliera di Bergamo debba rappresentare un punto di eccellenza del sistema sanitario regionale e nazionale. la straordinaria professionalità del personale medico e paramedico rimangono una vera e propria eccellenza. Ma la più rilevante opera pubblica realizzata nel nostro territorio negli ultimi decenni ha vissuto momenti di grande confusione dalla progettazione fino ad arrivare alla scelta di accelerarne l’apertura”.

“La Filca e la Cisl – spiega Mazzoleni – vogliono sottolineare la grande disponibilità e responsabilità di tutto il personale dimostrata sia nell’avvio della fase del trasloco che in quella attuale dove, quotidianamente, lavorarono per superare e mitigare nel miglior modo possibile i disagi degli utenti e di tutta la cittadinanza bergamasca.
Ma tutto questo non significa tacere su quanto successo, sui limiti della progettazione, sui costi che via via hanno assunto proporzioni gigantesche, catene di subappalti senza controllo, blocchi di pagamenti che hanno portato le imprese al fallimento con le conseguenze su tanti lavoratori. Tutto questo ha causato e causa tuttora notevoli problemi strutturali che pongono seri limiti a un’opera che come abbiamo detto all’inizio doveva rappresentare il fiore all’occhiello della comunità bergamasca”.

“Invitiamo il vicepresidente uscente del consiglio regionale Saffioti a porsi domande serie di dov’era e dov’era Regione Lombardia quando puntualmente abbiamo denunciato tutto questo. Dovrebbe rispondere alla comunità bergamasca di quanto si poteva fare con le tante risorse disperse a causa del raddoppio dei costi dell’opera, di quante scuole e di quanto territorio avremmo potuto sistemare e mettere in sicurezza”.

“Di questo vorremmo che si discuta in questa campagna elettorale e non del solito politico di turno che invece di affrontare i problemi scarica strumentalmente la sua rabbia su chi si assume il coraggio di denunciarli. Il signor Saffioti ci dica se sulla sua coscienza non pesa come un macigno l’idea di quante scuole e quanto territorio avremmo potuto mettere in sicurezza, quante strade avremmo potuto sistemare con le risorse sperperate a causa del raddoppio dei costi dell’opera. E’ nostro dovere denunciare gli errori e mettere in evidenza l’inadeguatezza dimostrata da chi dovrebbe programmare, decidere, controllare”.

Elezioni: oggi Alfano e Casini a Bergamo

Alfano e Casini BERGAMO -- Confronto a distanza quest'oggi a Bergamo fra due esponenti dell'area centrista: Angelino Alfano ...

La sintesi del comizio di Grillo a Bergamo (video)

Beppe Grillo nel suo comizio a Bergamo BERGAMO -- Come annunciato, Bergamosera HD vi offre un'ampia sintesi del comizio tenuto ieri a ...