iscrizionenewslettergif
Esteri

Alla deriva da tre giorni: nave da crociera salvata

Di Redazione13 febbraio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La nave da crociera alla deriva

La nave da crociera alla deriva

PROGRESO, Messico — Due rimorchiatori speciali e un’imbarcazione della Guardia costiera degli Stati Uniti stanno trainando la nave da crociera Triumph, del gruppo Carnival, verso il porto di Progreso dopo tre giorni alla deriva al largo della penisola dello Yucatan, nel Golfo del Messico.

A bordo della nave ci sono più di tremila passeggeri e oltre mille uomini di equipaggio bloccati fino a poche ore fa. Secondo quanto ha riferito la compagnia, tre giorni fa c’è stato un incendio nella sala macchine che è stato domato e non ha causato vittime. La nave è rimasta però senza propulsione.

“Un’altra nave della Carnival, la Carnival Elation, è attualmente sul luogo e sta trasferendo ulteriori scorte di cibo e bevande alla Triumph”, si legge in un comunicato, in cui si precisa anche che la nave “opera al momento con i generatori di corrente d’emergenza”.

Giunti in Messico, i passeggeri saranno imbarcati su aerei per tornare negli Stati Uniti. La nave era partita da Galveston in Texas giovedì.

“Tutti i passeggeri sono nelle aree comuni della nave e sui ponti all’aperto perché non c’è aria condizionata”, ha spiegato un ufficiale della Guardia costiera.

Secondo i portavoce della Carnival, a bordo c’è cibo a sufficienza e le toilette sono tornate funzionare. Ma Brett Nutt, marito di una passeggera, signora Bethany, ha raccontato alla rete tv Abc che la moglie lo ha chiamato dalla nave: “Mi ha detto che non c’è acqua corrente e non c’è luce. Piangeva al telefono”.

Sviene e cade sui binari: uccisa dalla metropolitana

La metropolitana di New York NEW YORK, Usa -- Incredibile incidente nella metropolitana di New York. Una donna che stava ...

Attacchi di squalo: anno record negli Usa

Anno record negli Usa per gli attacchi di squalo MIAMI, Usa -- Un record che si preferirebbe non avere. Il 2012 è stato l'anno ...