iscrizionenewslettergif
Poesie

“Com’è acuto il salmastro del mare” di Antonio Seccareccia

Di Redazione11 febbraio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il mare

Il mare

Com’è acuto il salmastro del mare,
nel ricordo di una sera che mi coglie
improvviso nel sentire la tua voce
dolente, mentre dici che invecchi!

Ma il tempo è così: un altro mare,
invisibile, dove il passato è un’onda
che si stacca da noi riva e s’allontana
fino a svanire negli occhi all’orizzonte.

Però non muore, e qualche volta riappare,
si libra nell’aria (di nuovo onda o delfino),
ritorna fino a noi e ci travolge
come onda vera, di vita che rinasce
intorno, in noi, nel nostro sangue:
come era quella remota sera d’estate
col suo forte sapore di salsedine,
che nel pensiero scava ancora i muri
e consuma le navi in disarmo nelle darsene.

“Sonetti del voi” di Enrico D’Angelo

Poesia Di moto è l'immagine che io ho nel mentre risalite conturbata eppur puntuale e svelta sul metrò d'ognuno ...

“Aut-aut” di Annie Vivanti

Il sole Io voglio il sole, io voglio il sole ardente Che l’ebbrezza mi dia del suo splendore, O ...