iscrizionenewslettergif
Economia

I timori per le elezioni affondano la Borsa. Risale lo spread

Di Redazione5 febbraio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Giornata nera ieri in Borsa. Piazza Affari perde il 4,5 per cento

Giornata nera ieri in Borsa. Piazza Affari perde il 4,5 per cento

MILANO — I timori dell’instabilità politica e di iniziative estemporanee in campo economico affondano la borsa di Milano che perde il 4,5 per cento, con lo spread tra Btp e Bund che torna a superare i 280 punti base (282) per la prima volta dal 9 gennaio.

Il rendimento del Btp decennale è in rialzo al 4,45 per cento. In netto ampliamento anche il differenziale tra la carta decennale spagnola e tedesca: lo spread è risalito sopra i 370 punti base, con il tasso dei Bonos balzato ai massimi da metà dicembre fino al 5,42 per cento.

A rimettere sotto pressione il debito di Italia e Spagna – dicono alcuni analisti – sono le turbolenze sul versante politico. “Il mercato inizia a focalizzarsi sui rischi politici in Europa nell’immediato – spiega Francis Yared di Deutsche Bank e Michael Leister di Commerzbank vede l’ipotesi di nuove elezioni in Spagna per lo scandalo che ha colpito il premier Rajoy come “un vero shock per il mercato”.

Torna la paura sui mercati. Piazza Affari viene travolta da un’ondata di vendite che parte delle banche ma che spazza poi tutto il listino, in una giornata che ha visto chiudere in negativo tutte le piazze europee con Milano, maglia nera in un’Europa che teme anche l’ipotesi di elezioni anticipate in Spagna.

A far temere che si riapra una nuova fase di crisi del debito contribuiscono, secondo gli operatori, le promesse elettorali di Silvio Berlusconi e la prospettiva di un suo ruolo rafforzato dall’esito del voto.

Rajoy accusato di tangenti e la Spagna sprofonda

Il premier Rajoy MADRID, Spagna -- Mentre gli indicatori dell'economia spagnola sono sempre più preoccupanti, con Madrid a ...

Tasse, fino a metà giugno si lavora per il fisco

Fino a metà giugno lavoriamo per il fisco ROMA -- Nel 2013 la pressione fiscale raggiungerà il record storico del 45,1 per cento ...