iscrizionenewslettergif
Poesie

“Non voglio” di Margherita Guidacci

Di Redazione1 febbraio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Poesia


Tutti i vostri strumenti hanno nomi bizzarri
e difficili, ma io vedo chiaro
e so che in fondo sono solamente
metri e gessetti con cui misurate
e segnate – segnate e misurate
senza stancarvi.

Sfilate spilli di tra le labbra, come una sarta:
me li appuntate sull’anima
e dite: “Qui faremo un bell’orlo.
Dopo starai tanto meglio”.

Io non voglio che mi tagliate un pezzo d’anima!
Se ne ho troppa per entrare nel vostro mondo,
ebbene, non voglio entrarci.

Sono un poeta: una farfalla, un essere
delicato, con ali.
Se le strappate, mi torcerò sulla terra,
ma non per questo potrò diventare
una lieta e disciplinata formica.

“Tre momenti” di Umberto Saba

Poesia Di corsa usciti a mezzo il campo, date prima il saluto alle tribune. Poi, quello che nasce ...

“La neve” di Marino Moretti

nevicate ll bimbo guarda alla finestra i fiocchi taciti, ch’empion turbinando l’aria, guarda la strada bianca e solitaria, che ...