iscrizionenewslettergif
Poesie

“Tre momenti” di Umberto Saba

Di Redazione31 gennaio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Poesia

Di corsa usciti a mezzo il campo, date
prima il saluto alle tribune. Poi,
quello che nasce poi,
che all’altra parte rivolgete, a quella
che più nera si accalca, non è cosa
da dirsi, non è cosa ch’abbia un nome.

Il portiere su e giù cammina come
sentinella. Il pericolo
lontano è ancora.
Ma se in un nembo s’avvicina, oh allora
una giovane fiera si accovaccia
e all’erta spia.

Festa è nell’aria, festa in ogni via.
Se per poco, che importa?
Nessun’offesa varcava la porta,
s’incrociavano grida ch’eran razzi.
La vostra gloria, undici ragazzi,
come un fiume d’amore orna Trieste.

“L’Uomo e il Mare” di Charles Baudelaire

mare Sempre il mare, uomo libero, amerai! Perché il mare è il tuo specchio; tu contempli nell'infinito svolgersi ...

“Non voglio” di Margherita Guidacci

Poesia Tutti i vostri strumenti hanno nomi bizzarri e difficili, ma io vedo chiaro e so che in ...