iscrizionenewslettergif
Italia

Stop alla fuga: Corona si consegna a Lisbona

Di Redazione23 gennaio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Fabrizio Corona

Fabrizio Corona

MILANO — “Non sono fuggito, me ne sono andato dall’Italia perché turbato da una sentenza ingiusta e perché temo per la mia vita nelle carceri italiane”. Sono le prime parole di Fabrizio Corona, secondo quanto riferisce all’Ansa il suo legale Nadia Alecci, che lo ha sentito telefonicamente.

Il fotografo dei vip, latitante da alcuni giorni dopo essersi sottratto all’arresto, si sarebbe costituito a Lisbona. L’indiscrezione emerge da fonti vicine alle indagini. La Polizia di Stato ha precisato che Corona, vistosi braccato, ha anticipato l’arresto consegnandosi alla polizia portoghese.

Investigatori della Squadra Mobile di Milano erano in Portogallo da alcuni giorni, sulle sue tracce. “Più che costituito si è arreso”, è stato il commento dei vertici milanesi della Questura.

Fabrizio Corona, sentendosi ormai catturato, ha dato un appuntamento per consegnarsi e lo ha fatto nella stazione ferroviaria metropolitana di Queluz, ad agenti portoghesi a cui si sono affiancati gli investigatori italiani.

A Cascais, una cittadina alle porte di Lisbona, Fabrizio Corona aveva delle conoscenze in una altolocata famiglia portoghese dalle quali, probabilmente, contava per un aiuto. Questa l’ipotesi tracciata dagli investigatori che si sono occupati delle ricerche del fotografo.

Ragazzino muore durante lezione di ginnastica

L'ambulanza SIRACUSA -- Un ragazzino di 15 anni è morto dopo essersi sentito male durante una ...

Incontri hard e ricatti in procura: magistrato arrestato

Il pubblico ministero Roberto Staffa ROMA -- E' stato arrestato con le accuse di corruzione, concussione e rivelazione di segreto ...