iscrizionenewslettergif
Poesie

“Portovenere” di Eugenio Montale

Di Redazione23 gennaio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Portovenere

Là fuoresce il Tritone
dai fLutti che lambiscono
le soglie d’un cristiano
tempio, ed ogni ora prossima
è antica. Ogni dubbiezza
si conduce per mano
come una fanciulletta amica.
Là non è chi si guardi
o stia di sé in ascolto.
Quivi sei alle origini
e decidere è stolto:
ripartirai più tardi
per assumere un volto.

“La malinconia” di Umberto Saba

Poesie Malinconia la vita mia struggi terribilmente; e non v'è al mondo, non c'è al mondo niente che mi divaghi. Niente, ...

“Oggi che t’aspettavo” di Vincenzo Cardarelli

Poesie Oggi che t'aspettavo non sei venuta e la tua assenza so quel che mi dice ...