iscrizionenewslettergif
Politica

Pdl Bergamo, ufficiale: Sorte si candida in Regione

Di Redazione8 gennaio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Alessandro Sorte

Alessandro Sorte

BERGAMO — “Mi metto a disposizione del partito per correre alle prossime elezioni regionali”. Con queste parole il capogruppo del Pdl in Provincia Alessandro Sorte scioglie la riserva e avanza la sua candidatura alla Regione Lombardia.

Il giorno dopo l’ufficializzazione dell’accordo fra Pdl e Lega cominciano finalmente a delinearsi anche gli scenari bergamaschi per le prossime elezioni regionali. Il primo a uscire allo scoperto è Sorte, giovane esponente della minoranza laica del partito, che allo scorso congresso è risultato il più votato in quest’ala del Pdl. Su quali gruppi potrà contare per questa sua nuova corsa lo capiremo nei giorni a venire.

Certo è che il consigliere provinciale guarda con interesse al progetto condiviso con la Lega di Roberto Maroni: “Sostengo da sempre la candidatura di Maroni che ritengo la migliore possibile in questo momento per la Regione Lombardia” ha spiegato.

“L’ottimo lavoro portato avanti in regione Lombardia dal centrodestra in questi anni di governo non può essere messo in discussione – spiega il pidiellino – deve anzi essere uno stimolo per rivendicare il ruolo centrale e imprescindibile che prima Forza Italia, poi il Pdl hanno avuto nelle ultime tre legislature regionali. E’ giunto il momento per il centrodestra di rinsaldare l’alleanza con la Lega, lavorando su un programma condiviso per il futuro”.

“Dal momento che abbiamo come obiettivo primario quello di vincere, non aveva alcun senso cadere nella logica dei veti incrociati. Per questo la candidatura di Gabriele Albertini, anche a causa di continue prese di posizione e polemiche contro il suo partito, avrebbe rischiato di indebolire la coalizione”.

“Ben venga dunque la candidatura di Roberto Maroni – continua Sorte -, una figura che a capo della Regione garantirebbe allo stesso tempo continuità, rinnovamento e buon governo”.

“Abbiamo a cuore l’alleanza con la Lega Nord che, in Regione, si è sempre rivelata pratica, concreta ed efficace per i Lombardi. Per vincere, e soprattutto convincere, dobbiamo guardare con interesse, senza preclusioni, all’esperienza di Maroni, rivendicando con forza un ruolo da protagonista per il nostro partito, lasciando da parte mere alleanze tattiche, ma valorizzando un nuovo progetto politico per la regione Lombardia, il nord e per tutto il Paese” conclude il candidato.

Maroni: il candidato premier della Lega è Tremonti

Roberto Maroni, candidato alla presidenza della Regione Lombardia MILANO -- "Nell'accordo con il Pdl non c'é un candidato premier ma visto che Berlusconi ...

Albertini: serve un’alternativa a Pdl-Lega

Gabriele Albertini MILANO -- "L'accordo Lega-Pdl rende ancora più necessaria un'alternativa moderata, in Lombardia come in tutto ...