iscrizionenewslettergif
Economia

Fisco, volano le entrate ma cala il gettito Iva

Di Redazione8 gennaio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

ROMA — Chiamatelo effetto Imu. Fatto sta che nel periodo gennaio-novembre 2012 le entrate tributarie sono cresciute del 3,8 per cento rispetto all’anno precedente, attestandosi a 378,189 miliardi di di euro. I dati sono stati diffusi dal ministero dell’Economia e delle Finanze.

“Ai fini di un confronto omogeneo – si legge in una nota del ministero -, al netto dell’imposta sostitutiva una tantum sul leasing immobiliare registrata nel mese di aprile 2011, le entrate tributarie erariali presentano una crescita tendenziale pari al 4,1 per cento (+15.029 milioni di euro)”.

Le imposte dirette aumentano del 4,8 per cento (+9.446 milioni di euro). Il gettito Ire presenta una variazione dello 0,8 per cento (+1.221 milioni di euro) che riflette l’andamento positivo delle ritenute sui redditi dei dipendenti privati (+2,2 per cento) e delle ritenute sui redditi dei dipendenti pubblici e da pensione (+0,6) che compensa l’andamento delle ritenute dei lavoratori autonomi (-4,2) e delle ritenute d’acconto applicate ai pagamenti relativi ai bonifici disposti dai contribuenti per beneficiare di oneri deducibili o di spese per le quali spetta la detrazione d’imposta. Positivo il gettito dell’autoliquidazione (+2,3 per cento).

La prima rata dell’Imu, pagata a giugno 2012, ha portato quasi 10 miliardi di euro (9,937 mld). Di questi, 4,022 mld è l’importo riservato allo Stato e 5,915 mld ai Comuni.

In crescita il gettito Ires che si attesta a 35.872 milioni di euro (+0,9 per cento, pari a +322 milioni di euro).

Tra le altre imposte dirette si registra un significativo incremento dell’imposta sostitutiva su ritenute, interessi e altri redditi di capitale (+55,1 per cento, pari a +3.098 milioni di euro) influenzata da fattori di carattere tecnico-normativo e dalla riforma del regime di tassazione delle rendite finanziarie.

Le imposte indirette fanno rilevare un incremento complessivo del 2,6 per cento (+4.324 milioni di euro). In flessione il gettito Iva (-1,8 per cento, pari a -1.818 milioni di euro) che riflette l’andamento negativo della componente del prelievo sulle importazioni (-5,1) e la riduzione della componente relativa agli scambi interni (-1,2) influenzata dalla debolezza della domanda interna e solo parzialmente compensata dagli effetti legati all’incremento di un punto percentuale dell’aliquota Iva introdotta dal D.lgs 138/2011.

In aumento del 25 per cento il gettito delle imposte sulle transazioni. In crescita significativa l’imposta di bollo che registra un incremento del 106,7 per cento (+3.061 milioni di euro) dovuto alle modifiche normative apportate con i provvedimenti della seconda metà del 2011 alle tariffe di bollo applicabili su conti correnti, strumenti di pagamento, titoli e prodotti finanziari, nonché all’anticipo del versamento dell’acconto sull’imposta di bollo.

Tra le altre imposte indirette, in crescita il gettito dell’imposta di fabbricazione sugli oli minerali (+22,4 per cento, pari a +3.959 milioni di euro) sostenuto dagli aumenti delle aliquote di accisa disposti dalle recenti manovre. In flessione invece il gettito dell’imposta di consumo sul gas metano (-19,5 per cento, pari a -832 milioni di euro) a causa del meccanismo di versamento dell’imposta e del calcolo del conguaglio sui consumi dell’anno precedente.

Le entrate relative ai giochi si riducono complessivamente del 6,3 per cento (-798 milioni di euro). Tra queste si evidenzia l’andamento positivo delle lotterie istantanee (+0,5 per cento, pari a +7 milioni di euro) e delle entrate derivanti dagli apparecchi e congegni di gioco (+2 per cento, pari a +70 milioni di euro), mentre risultano in calo le entrate relative ai proventi del lotto (-8,9 per cento, pari a -554 milioni di euro).

Le entrate tributarie derivanti dall’attività di accertamento e controllo risultano pari a 6.433 milioni di euro (+9,3 per cento, +545 milioni di euro).

Carlo Scotti-Foglieni

Tasse: nel 2013 pagheremo 585 euro in più

Le tasse cresceranno ancora nel 2013 MILANO -- Il 2013 porterà un aumento significativo delle tasse. Secondo la Cgia di Mestre ...

Disoccupazione: un giovane su tre senza lavoro

Disoccupazione: un giovane su tre è senza lavoro ROMA -- Brutte notizie sul versante lavoro giovanile. Secondo quanto rilevato dall'Istat, il tasso di ...