iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Esteri

Assad: vogliono spartirsi la Siria. Resisteremo

Di Redazione7 gennaio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il presidente siriano Assad

Il presidente siriano Assad

DAMASCO, Siria — “Vogliono spartirsi la Siria. Non possiamo aspettare che altri trovino una soluzione per il nostro Paese”. Sono le parole del presidente siriano Bashir Al Assad.

In un suo discorso alla nazione, attraverso la tv di Stato, Assad ha detto che “non ci piegheremo, resteremo sovrani. E useremo ogni mezzo per difendere il suo popolo”.

Per Assad il conflitto “non è tra governo e opposizione, ma tra nazione e nemici del Paese”. “Molti dei terroristi non sono siriani, ma legati ad Al Qaeda e alcuni dei Paesi confinanti forniscono armi ai terroristi. Per questo non negozieremo con chi usa la violenza e con quelli che sono dietro a questi fantocci”. Poi si è detto “grato” per il sostegno offerto al suo regime da Russia, Cina e Iran.

La soluzione politica proposta da Assad per porre fine a la guerra civile in Siria è “sconnessa dalla realtà”. Così il Dipartimento di Stato americano commenta le parole del leader di Damasco.

“Il discorso di oggi – continua la portavoce Victoria Nuland – è l’ennesimo tentativo del regime di rimanere attaccato al potere e non fa niente per fare avanzare il cammino del popolo siriano verso una transizione politica”.

L’Argentina accusa: armi nucleari alle Falkland

La portaerei britannica "Invincible" alle Falkland LONDRA, Gran Bretagna -- Torna a salire la tensione fra Gran Bretagna e Argentina per ...

Obama nomina i nuovi vertici di Pentagono e Cia

Il nuovo capo del Pentagono Chuck Hagel con il presidente Obama WASHINGTON, Usa -- Cambio al vertice nel sistema militare e d'intelligence degli Stati Uniti. Il ...