iscrizionenewslettergif
Politica

Sola: l’addio di Piffari fa bene all’Italia dei valori

Di Alessandra Raimondi20 dicembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gabriele Sola

Gabriele Sola

BERGAMO — Dopo l’addio del segretario regionale e deputato Sergio Piffari, piuttosto polemico con Di Pietro, non ci sono rimpianti o rammarichi nell’Italia dei Valori. Secondo l’ex consigliere regionale Gabriele Sola servono infatti volti nuovi e un ricambio nelle file del partito. Solo così l’Idv potrà e dovrà avere un ruolo fondamentale nelle nuove elezioni regionali e nazionali.

Sola, cosa pensa dell’uscita di Piffari dall’Italia dei Valori?
Penso che Piffari sia in difficoltà per diverse ragioni. Alle condizioni attuali non sarebbe mai stato ricandidato dall’Idv. Le sue vicende personali, in qualche modo, hanno limitato le sue chance in questo partito. Come altri, ha ritenuto di fare scelte diverse, dove forse pensa di avere più opportunità. E’ legittimo farlo. Devo dire che mi sembra una cosa utile all’Italia dei Valori: diversi esponenti del partito stanno andando ad ingrossare le file del partito creato da Donadi.

Dunque lei giudica positivamente l’addio di Piffari?
Sì, è sicuramente positivo per l’Italia dei Valori. Nell’ottica della ripartenza dell’Idv credo che sia una buona notizia. Serve un ricambio di volti. Il loro abbandono è un bene: il ricambio in questo momento è quello che serve alla politica.

Senza Piffari come si ridisegna l’Idv?
Credo che tutti noi dobbiamo dare un contributo adesso, ciascuno nel suo ruolo. Personalmente non ho un ruolo particolare al di là dell’impegno nel dipartimento comunicazione nel partito nazionale. Però per il resto ci stiamo incamminando verso elezioni delicatissime che per noi sono fondamentali. E credo che l’Idv possa essere una forza fondante di una buona realtà politica. So che i prossimi giorni saranno delicatissimi. Venerdì c’è un incontro a Roma con il ritorno di Ingroia.

Una novità importante in arrivo?
Penso che qualche novità importante potrebbe esserci presto sulla scena politica e voglio sperare che il mio partito ne possa essere protagonista. La scommessa è proporre politiche alternative al disastro che è stato propinato dal governo Monti, soprattutto nei confronti delle fasce sociali più deboli. Ciascuno nel partito, e a tutti i livelli deve impegnarsi su questo.

Quanto alle candidature?
Non è stata presa ancora alcuna decisione. Tutti sono disponibili: nel senso che qualunque cittadino ha la possibilità, compilando un modulo elettronico all’interno del sito nazionale dell’Italia dei Valori, di candidarsi alle prossime elezioni per l’Idv. Ecco perchè dico che è veramente presto per ipotizzare discese in campo alle politiche o alle regionali.

Avete scelto anche voi la via elettronica…
La valutazione delle candidature verrà fatta dal partito anche alla luce di tutti i curricula che arriveranno in questo periodo. Personalmente cercherà di dare un mio piccolo contributo, qualunque ruolo mi verrà proposto.

Alessandra Raimondi

Raimondi si difende. E fonda un nuovo gruppo in Regione

Marcello Raimondi BERGAMO -- Il consigliere regionale del Pdl Marcello Raimondi è stato interrogato martedì dai magistrati ...

Melli (Pdl): ecco perché ho votato contro la fusione

Il consigliere comunale del Pdl Paolo Melli TREVIGLIO -- La fusione fra le società Anita e Abm Itc non s'ha da fare, ...