iscrizionenewslettergif
Politica

Melli (Pdl): ecco perché ho votato contro la fusione

Di Alessandra Raimondi20 dicembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il consigliere comunale del Pdl Paolo Melli

Il consigliere comunale del Pdl Paolo Melli

TREVIGLIO — La fusione fra le società Anita e Abm Itc non s’ha da fare, almeno per ora, per la stragrande maggioranza dei consiglieri comunali del Pdl di Treviglio che ieri in aula hanno votato contro, mandando sotto il sindaco Giuseppe Pezzoni che ha avuto solo l’appoggio della Lega. La fusione tra le due società di gestione delle fibre ottiche, ben vista dalla Provincia ma secondo molti non conveniente per Treviglio, dunque per adesso non ci sarà. Ma è il tonfo del sindaco e una maggioranza spaccata, a questo punto, ad agitare le acque della politica trevigliese. Abbiamo chiesto un’impressione al consigliere comunale del Pdl, Paolo Melli.

Melli, il consiglio comunale di ieri su Anita e Abm Ict ha visto una spaccatura nella maggioranza, col Pdl che vota da una parte e la Lega dall’altra…
No, la maggioranza non si è spaccata. Semplicemente nella maggioranza ci sono state delle scelte diverse.

Pezzoni ha lasciato libertà di decisione, anche se avrebbe preferito un voto a favore. Nella sostanza politica è una sconfitta?
Il sindaco aveva lasciato libera scelta ad ognuno, non essendo un argomento che faceva parte delle linee programmatiche o comunque del mandato che avevamo deciso quando ci siamo candidati. Non vedo questa spaccatura. Mi sembra che la spaccatura sia mediatica.

Lei perché si è detto contrario?
La mia è stata una scelta tecnica, come del resto ha ribadito il nostro capogruppo.

Quali sono le sue perplessità in merito alla fusione delle due aziende?
A me sembra che alla base della fusione non ci sia solidità. L’Abm Ict ha un bilancio negativo da tre anni e non vedevo un’opportunità immediata anche per quanto riguarda i bilanci del Comune, che già piangono. Non mi sembrava il caso di andare ad indebitarci in questo momento. E poi mi hanno preoccupato tutte le dichiarazioni dei tecnici contrari, compresa quella del segretario comunale.

Pezzoni però ha dichiarato che in quell’azienda non ci sono solo debiti. E che la fusione non sarebbe un azzardo. Quali potevano essere i lati positivi della fusione?
Sicuramente ci sono dei lati positivi. Però io personalmente non mi sono sentito di affrontarli in questo momento. Non li vedo nell’immediato e quindi non me la sono sentita di votare sì. Sono sereno proprio perchè avendo avuto libertà di scelta, ho fatto la mia.

La questione delle fibre ottiche resta così in sospeso…
In questo momento ritengo così strategico pensare se avere la fibra ottica o no. Preferisco agire su cose più cose più concrete e vicine alla necessità della città.

Che sarebbero?
Finire i lavori già iniziati e altre cose da risolvere come la vendita del Foro boario e quant’altro. Insomma, tutte le opere che dobbiamo finire. Poi ne faremo delle nuove. Capisco che sia una bella cosa che il Comune di Treviglio sia proprietario della rete a fibre ottiche, però dal punto di vista economico del bilancio del Comune in questo momento non mi sembrava così opportuna.

E’ vero che il sindaco avrebbe paventato le sue dimissioni?
No, non è andata così. Io non l’ho letta in questi termini. Certo, non deve essere stato contento, avrebbe voluto che tutti fossimo stati d’accordo. Io continuo a credere che Pezzoni sia un sindaco democratico.

Alessandra Raimondi

Sola: l’addio di Piffari fa bene all’Italia dei valori

Gabriele Sola BERGAMO -- Dopo l'addio del segretario regionale e deputato Sergio Piffari, piuttosto polemico con Di ...

Treviglio, maggioranza spaccata sulla fusione Anita-Abm Itc

Il sindaco di Treviglio Giuseppe Pezzoni TREVIGLIO -- Una spaccatura inattesa della maggioranza. E' quella che è andata in scena l'altra ...