iscrizionenewslettergif
Politica

Rimborsi Regione: indagati anche Saffioti, Raimondi e Pedretti

Di Redazione15 dicembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Carlo Saffioti, Marcello Raimondi e Roberto Pedretti

Carlo Saffioti, Marcello Raimondi e Roberto Pedretti

BERGAMO — Ci sono anche tre bergamaschi fra i 22 consiglieri regionali indagati dalla Procura di Milano per la vicenda dei rimborsi ottenuti dal Pirellone. Si tratta del vicepresidente del consiglio regionale Carlo Saffioti, dell’ex assessore Marcello Raimondi e del leghista Roberto Pedretti.

La contestazione della Procura, per tutti gli indagati, è quella di aver usato in maniera illecita la possibilità di ottenere rimborsi destinati ai gruppi per l’attività politica. In sostanza, gli accusati si sarebbero fatti rimborsare spese che con la politica non avrebbero nulla a che fare.

Fermo restando che “un invito a comparire” notificato dalla Procura, non equivale a una condanna e che dovrà esserci tutto lo spazio necessario alle spiegazioni, gli accusati ovviamente si difendono. Saffioti e Pedretti si dicono sorpresi, anche se sereni per aver agito secondo le regole, sostenendo di aver fatto tutto secondo quanto consente la legge.

Undici al momento i consiglieri del Pdl ad aver ricevuto un avviso di garanzia. Questi gli indagati nelle file del Popolo della Libertà: Giovanni Bordoni, Giulio Boscagli, Alessandro Colucci, Giuseppe Gianmario, Antonella Maiolo, Marcello Raimondi, Nicole Minetti, Gianluca Rinaldin, Carlo Saffiotti, Paolo Valentini e Sante Zuffada.

Undici consiglieri indagati anche nelle file della Lega. Sono: Cesare Bossetti, Fabrizio Cecchetti (attuale presidente del consiglio regionale), Angelo Ciocca, Stefano Galli, Alessandro Marelli, Ennio Moretti, Massimilano Orsatti, Ugo Parolo, Roberto Pedretti, Luciana Ruffinelli, Pierluigi Toscani. Questi gli indagati nelle file del Pdl: Giovanni Bordoni, Giulio Boscagli, Alessandro Colucci, Giuseppe Gianmario, Antonella Maiolo, Marcello Raimondi, Nicole Minetti, Gianluca Rinaldin, Carlo Saffiotti, Paolo Valentini e Sante Zuffada.

Ieri gli uomini della Guardia di finanza hanno passato al setaccio anche la documentazione degli altri gruppi consiliari. I finanzieri vogliono acquisire la ‘lista della spesa’ rimborsata a Pd, Sel, Idv, Pensionati e Udc e altri gruppi di minoranza. Richiesta di acquisizione di documenti anche per la Giunta e la presidenza della Regione Lombardia.

Scandalo rimborsi: le cene della Minetti e i videogames del Trota

Nicole Minetti MILANO -- Pagava cene nei ristoranti di lusso, ipad, iphone e divertimenti e poi se ...

Centrosinistra: Ambrosoli vince le primarie in Lombardia

Umberto Ambrosoli è il candidato del centrosinistra al Pirellone BERGAMO -- Come da copione, il candidato del centrosinistra al Pirellone sarà Umberto Ambrosoli. E' ...