iscrizionenewslettergif
Libri

“Madama Sbatterflay” di Luciana Littizzetto

Di Redazione13 dicembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Luciana Littizzetto

Luciana Littizzetto

“Non ci resta che ridere, care Madame Sbatterflay – esordisce Luciana Littizzetto nel suo nuovo libro. Anche se lo spread sale e il Walter scende, e a noi rimane solo il bandolero stanco, il nostro bell’addormentato nei boxer. Anche se in tempi di vacche magre (beate loro!), i politici fanno a gara a chi la combina più grossa, se Emi(nens) non paga l’Imu, il Berlu alza i tacchi, e l’uomo del Monti dice no. Se siamo passati dall’onorevole Bocchino all’onorevole Passera. Se certa gente non sa più cosa inventarsi: lo scalda-walter e il pisciavelox, i preservativi firmati e il certificato di garanzia per la Jolanda. Se Belén va con Belìn, Carla è sempre più snob e George Clooney sempre più tronco di pino.”

Ci deve essere un motivo per cui Luciana Littizzetto è la comica più letta d’Italia. Forse perché nessuno, come lei, riesce a mettere a fuoco i nostri grandi difetti e le nostre piccole debolezze. Perché nei suoi monologhi sono ugualmente nudi il re e tutti i suoi sudditi.

Perché, anche in questo nuovo libro, parlando della Jolanda e degli altri paesi bassi, crea una visione del mondo (una walterschauung) tutta sua, capace di compiere un miracolo: farci divertire anche quando non c’è proprio niente da ridere.

“Storia di un corpo” di Daniel Pennac

Daniel Pennac Torna Daniel Pennac con un libro che è già un grande successo. Tornata a casa dopo ...

“L’infanzia di Gesù” di Benedetto XVI

Benedetto XVI Anche e più che mai, nella settimana che precede il Santo Natale, il libro di ...