iscrizionenewslettergif
Mamme e Bimbi

Parto eutocico o distocico: tutti i perché

Di Redazione4 dicembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Parto

Parto

Parto naturale, parto cesareo e/o parto distocico. Quanti dubbi su queste definizioni.

Come spiegano gli esperti, esattamente come ogni gravidanza è diversa da un’altra, è anche vero che non esistono due parti uguali in tutto e per tutto. Tuttavia, ginecologi e ostetriche suddividono i parti in due grandi gruppi, per indicare se il processo avviene in maniera naturale o se è necessario un aiuto medico o chirurgico.

Si indica quindi con eutocico o fisiologico il parto che avviene naturalmente per via vaginale dove il bebè si trova in posizione fetale cefalica. Invece, viene chiamato parto distocico quello per cui sono necessarie manovre esterne con forcipe o ventosa (parto attivo o operativo) o un intervento chirurgico (parto cesareo) per assicurarne il buon esito.

Bimbi e gastrite: meno dolore con i probiotici

Bambino dal pediatra Probiotici e antibiotici possono essere di grande aiuto nel trattare il dolore dei bimbi che ...

Neomamme: un buono per nidi e tate

Dal governo un buono per le neomamme Il governo è pronto a sperimentare il bonus babysitter e asili nido. Si tratta di ...