iscrizionenewslettergif
Italia

Gettò il figlio nel Tevere: padre condannato a 30 anni

Di Redazione4 dicembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gettò il figlio nel Tevere: padre condannato a 30 anni

Gettò il figlio nel Tevere: padre condannato a 30 anni

ROMA — Il 4 febbraio scorso si rese protagonista di un omicidio orrendo, gettando il figlio di 16 mesi nel Tevere. Ebbene, è stato condannato a trent’anni di carcere Patrizio Franceschelli, il padre del piccolo Claudio.

L’uomo era accusato di omicidio volontario, aggravato dal vincolo di parentela. La vicenda, come ricorderete, nella sua tragicità finì su tutti i giornali d’Italia. Dopo un litigio con la moglie, quel maledetto giorno di febbraio, l’uomo prese il figlioletto di un anno e mezzo e raggiunse il ponte Mazzini. Fra lo sconcerto e l’incredulità di presenti, gettò il bambino nel fiume.

Ai carabinieri che lo fermarono poco dopo la tragedia, l’uomo confessò di essere stato lui ad aver compiuto l’insano gesto. Il corpo del piccolo fu ritrovato molti giorni dopo.

Giovane dilaniato dagli ingranaggi di una fresa

Una fresa per la raccolta dell'uva CATANIA -- Terribile disgrazia nelle campagne di Mazzarrone, in provincia di Catania. Un ragazzo di 16 ...

Terremoto magnitudo 4 nella notte a Ascoli Piceno

Terremoto magnitudo 4 nella notte a Ascoli ASCOLI -- La terra ha tremato nel buio. Un sussulto sordo venuto dal basso ha ...