iscrizionenewslettergif
Esteri

Onu, voto storico: la Palestina diventa “Stato osservatore”

Di Redazione30 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Abu Mazen nel suo discorso all'Onu

Abu Mazen nel suo discorso all’Onu

NEW YORK, Usa — Giornata storica sulla via di una pace duratura in Medioriente. La Palestina è stata decretata “Stato osservatore” delle Nazioni Unite.

Esattamente 65 anni dopo il voto sulla spartizione della Terra Santa in due Stati (era il 29 novembre del 1947, e persino un giovedì), l’Assemblea generale delle Nazioni Unite si rende protagonista di un’altra giornata memorabile, approvando con 138 voti su 193 una risoluzione che il presidente dell’Anp Abu Mazen ha voluto con forza.

L’Autorità nazionale palestinese lo considerano solo un primo passo verso la nascita di un vero e proprio Stato e verso il riconoscimento della Palestina come Paese membro a pieno titolo delle Nazioni Unite.

“La Palestina crede nella pace e il voto di oggi è l’ultima chance per salvare la soluzione dei due Stati”, ha affermato il leader dell’Anp davanti all’Assemblea che lo ha accolto con un calorosissimo applauso. Assemblea a cui ha chiesto di dare alla Palestina “un certificato di nascita” come Stato. Per Abu Mazen si tratta di un’enorme vittoria diplomatica, che lo rafforza anche sul fronte interno e nei confronti di Hamas.

Alpinisti dispersi, ancora nessuna traccia

Un elisoccorso in azione BRIANCON, Francia -- Continuano le ricerche dei tre alpinisti italiani dispersi in Francia sul Dome ...

Bimotore precipita in mare: salvi i passeggeri

Il bimotore precipitato alle Isole Comore MORONI, Isole Comore -- Incidente aereo ieri sera al largo delle isole Comore, nell’Oceano Indiano. ...