iscrizionenewslettergif
Bergamo

Commercialisti: ridotte le quote associative all’Ordine

Di Redazione30 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il consiglio dell'Ordine dei commercialisti di Bergamo

Il consiglio dell’Ordine dei commercialisti di Bergamo

BERGAMO — La crisi si fa sentire anche per i commercialisti. E così l’ordine professionale di Bergamo ha deciso di ridurre per il prossimo anno la quota associativa agli iscritti, peraltro rimasta invariata dal 2008.

Lo ha deciso l’assemblea dell’Ordine che ha approvato il bilancio annuale durante l’ultima seduta dell’attuale consiglio, in scadenza il prossimo 31 dicembre. Al centro delle riflessioni del presidente, Alberto Carrara, riconfermato in carica alle recenti elezioni del 15 e 16 novembre scorsi, la grave situazione economica e della finanza pubblica di questo periodo, che si sta facendo sentire anche tra i commercialisti orobici, alle prese con fatturati in calo e con difficoltà connesse all’incasso dei corrispettivi dovuti per le prestazioni effettuate.

Difficoltà di cui l’Ordine di Bergamo è ben consapevole, tanto da decidere per il prossimo anno la riduzione della quota associativa che passerà dai 400 euro attuali a 370, di cui 150 a favore del consiglio nazionale. Confermata anche la scelta di ridurre la quota annuale per i giovani neoiscritti, che verseranno 200 euro per i primi cinque anni d’iscrizione, contro i 220 euro richiesti quest’anno. Riduzioni attivate grazie alla gestione oculata delle risorse dell’Ordine del corrente mandato così come sempre fatto nei precedenti.

Nonostante le difficoltà del periodo, tanti sono stati gli elementi positivi evidenziati nelle riflessioni di Carrara. Prima di tutto il numero degli iscritti, in continua crescita e passati dai 1573 del 2011 ai 1601 di quest’anno, così come il numero dei praticanti, passato in 12 mesi da 184 a 207. Buone notizie anche sul fronte della formazione, ambito nel quale l’Ordine ha organizzato nel corso del 2012 110 eventi per un totale di 485 ore, di cui 200 gratuite.

Un impegno quello sul fronte formativo che continuerà anche il prossimo anno, perché, ha commentato Carrara, “l’obbligo della formazione professionale continua non sostituisce, bensì integra la formazione che ognuno di noi effettua quotidianamente e che è indispensabile per poter competere sul mercato con altri interlocutori che hanno meno vincoli di quelli a noi imposti e per coltivare competenze che possono vederci interlocutori seri e affidabili per imprese e enti pubblici”.

Confermata infine la vocazione dell’Ordine come “casa comune”, in cui usufruire di tanti servizi e dialogare costruttivamente con il Consiglio, nell’interesse di una professione che secondo Carrara “deve evolversi verso un ruolo di garanzia nell’ambito delle dinamiche economiche, a difesa dei tanti attacchi a cui siamo soggetti”.

Il tribunale: l’ospedale non deve pagare i subappaltatori

I lavori del nuovo ospedale di Bergamo, alla Trucca BERGAMO -- Il Tribunale di Bergamo ha ordinato l'immediata consegna dei certificati di regolare esecuzione ...

Consorzio di bonifica: elezioni del nuovo cda

La sede del consorzio di bonifica BERGAMO -- Dopo cinque anni si vota per il rinnovo del consiglio di amministrazione del ...