iscrizionenewslettergif
Politica

Come uscire dalla crisi: convegno a Brescia

Di Redazione30 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Mariastella Gelmini, presidente della Fondazione Liberamente

Mariastella Gelmini, presidente della Fondazione Liberamente

BRESCIA — La Fondazione Liberamente organizza per sabato 1 dicembre, a partire dalle 10, al museo Mille Miglia di Brescia (viale della Bornata,123) un convegno dal titolo “L’Europa, il Nord e l’impresa. Come uscire dalla crisi”.

Il seminario sarà introdotto dalla presidentessa della Fondazione Mariastella Gelmini. Al convengno parteciperanno il sindaco di Brescia Adriano Parioli, il parlamentare della Commissione attività produttive della Camera Stefano Saglia, il prorettore del Politecnico Milano Giuliano Noci, il presidente del Gruppo Feralpi Giuseppe Pasini e l’editorialista Sole24Ore Guido Gentili.

Conclude il convegno il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani.

Fin dall’inizio della crisi la strategia europea – di matrice tedesca – si è fondata su un principio di austerità. Secondo questa prospettiva, ormai quasi unanimemente accettata, la crisi è conseguenza di conti pubblici non in ordine e, quindi, la ricetta per l’uscita dal tunnel prevede per i cosiddetti “Paesi cicala” (Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo, Spagna) la riduzione del debito pubblico e l’affermazione in tempi rapidissimi del pareggio di bilancio. Si tratta in realtà di un approccio miope, che confonde l’effetto con la causa.

L’incontro si propone di ragionare attorno a un duplice obiettivo: individuare le determinanti che devono essere alla base di una rinnovata piattaforma europea, che sposi non tanto un disegno di “incrementalismo” rispetto all’esistente quanto piuttosto un progetto politico ed economico che garantisca la sostenibilità di lungo periodo del disegno intrapreso dai Padri fondatori col Trattato di Roma; identificare le componenti fondamentali di un patto finalizzato a stabilire condizioni di crescita sostenibile a livello italiano, nella consapevolezza che il futuro del nostro Paese passa non solo attraverso l’inevitabile risanamento dei conti quanto anche l’affermazione di condizioni favorevoli al consolidamento e ulteriore sviluppo del nostro sistema industriale.

Paolo Franco: mi piacerebbe capire il progetto di Piccinelli

Paolo Franco BERGAMO -- "Mi piacerebbe capire qual è il progetto politico a cui sta lavorando Enrico ...

Federalismo oggi: incontro con Pagliarini a Treviglio

Giancarlo Pagliarini e Patrizia Siliprandi TREVIGLIO -- Lunedì 3 dicembre, a partire dalle ore 20.30, all'auditorium della Cassa rurale di ...