iscrizionenewslettergif
Provincia

Autostrada Bergamo-Treviglio: la battaglia è ancora aperta

Di Alessandra Raimondi27 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Progetto Ipb

Progetto Ipb

BERGAMO — E’ tutt’altro che finita la battaglia della società civile contro la costruzione della contestatissima autostrada Bergamo-Treviglio. Il “Comitato Cambiamola” ha in serbo diversi appuntamenti per far sentire la proprio voce e il “no” deciso di tutti gli undicimila firmatari della petizione contro l’infrastruttura.

Tre incontri nel brevissimo periodo. Sabato 1° dicembre, dalle 14 alle 18 alla rotonda di Zingonia, in prossimità della futura galleria che passerà sotto la rotonda per poi arrivare alla piana di Saore, distruggendo l’unico pezzo verde rimasto dietro il Policlinico San Marco.

Gli obiettivi sono: prima di tutto mantenere viva l’attenzione sul territorio, far vedere dove passerà l’autostrada e quindi rendere consapevoli tutte le persone anche quelle che lì, il sabato vanno a far la spesa nei centri commerciali della zona, di quali saranno le ricadute su tutto il tracciato; infine continuare a spronare la Provincia a riflettere sulla invasività di quest’opera.

Tutto ciò tenendo conto che il ramo che va dalla rotonda di Zingonia fino al futuro casello della Pedemontana è un ramo ad oggi più dubbio degli altri, perché il tratto D di Pedemontana non è ancora dato per definitivo. Quindi è possibile che si areni il progetto all’altezza di Vimercate fino ad Osio Sotto.

“Inoltre questo tratto ovest della IPB è il più problematico dal punto di vista della realizzazione, perché prevede una galleria che passerà sotto una zona già costruita, con tutte le conseguenze del caso” spiegano dal Comitato.

Il 12 dicembre saranno invece in piazza Matteotti a Bergamo il 12/12 alle 12:12 per manifestare contro UBI Banca che è una delle 4 banche finanziatrici del progetto preliminare con una quota dentro Autostrade bergamasche del 9 per cento. Le altre banche sono Banca Intesa con una quota diretta del 9 per cento ma indiretta maggiore, Creberg con il 9 e Credito Cooperativo, la banca di Treviglio con l’1,8.

Manifesteranno contro Ubi perché è la banca che sta sostanzialmente nella piazza principale di Bergamo e lo faranno in in quell’orario e in quella data perché è un momento di passaggio, dove l’afflusso di gente al centro di Bergamo è importante. Il presidio continuerà fino a sera e alla fine della giornata consegneranno, oltre a dei gadget a tutti i bambini presenti, la letterina di Santa Lucia indirizzata alla Banca in cui le si chiede di abbandonare il progetto che a loro parere è, non solo dal punto di vista ambientale, ma anche dei numeri, un progetto fallimentare.

Terzo appuntamento intermedio ai due presidi è lunedì 3 dicembre alle ore 17 presso l’Assessorato della Pianificazione Territoriale e dell’Expo l’assessore Lanzani in contemporanea con l’Assessore alla viabilità Capetti per cercare di fare il punto della situazione sull’autostrada, vista l’audizione che è stata fatta con la quarta commissione consigliare in Provincia di Bergamo e la partecipazione congiunta in cui i relatori erano solo i progettisti di Autostrade bergamasche con la prima commissione della provincia di Bergamo.

“In quell’incontro noi vorremmo fare una discussione generale dell’opera per capire quali sono poi le intenzioni degli assessori che sono prossimi alla scadenza, poiché con la nuova riforma delle province da gennaio smettono di essere assessori” spiegano dal Comitato. “Vedremo cosa voglio fare tenuto conto poi che la Provincia non ha ancora attuato quella commissione per la partecipazione che renderebbe la nostra petizione valida a livello provinciale dandoci anche la possibilità di indire un referendum territoriale. Cosa che in assenza di commissione non possiamo assolutamente fare”.

Alessandra Raimondi

Violenza sulle donne: sagome senza parola a Bolgare

Foto Courtesy: progettoperbolgare.blogspot.com BOLGARE -- Un centinaio di sagome femminili, a dimensione naturale, immobili, silenziose, a simboleggiare il ...

Coldiretti: il territorio si tutela sostenendo l’agricoltura

Il presidente di Coldiretti Alberto Brivio BERGAMO – “Bisogna favorire la riscoperta in atto dell’attività agricola affinché i giovani che stanno ...