iscrizionenewslettergif
Provincia

Rischio frane sulla Dezzo-Schilpario: possibile chiusura

Di Alessandra Raimondi26 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Una frana in Val di Scalve

Una frana in Val di Scalve

SCHILPARIO — C’è rischio di pericolose frane sulla carreggiata. Con questa motivazione la Provincia di Bergamo sta valutando l’ipotesi di chiudere la provinciale 60 della Val di Scalve. Secondo gli uffici territoriali competenti, il forte degrado del tratto di strada tra il chilometro 6,400 e 6,900 comporterebbe rischi da evitare il prima possibile.

Il passaggio continuo di automobili, spiegano i tecnici della Provincia, potrebbe far aumentare il rischio di frane e smottamenti. L’ordinanza emessa da via Tasso il 20 novembre sarebbe dovuta partire oggi ma ha subito raccolto gli strali degli abitanti della frazione di Schilpario, Pradella. In caso di chiusura, i residenti per raggiungere Bergamo dovrebbero passare da Azzone, scendendo fino al Dezzo e poi di nuovo risalire a Schilpario che tra l’altro è fornita di una serie di servizi importanti come la farmacia che nelle frazioni di montagna a volte non si trovano.

Ciò che preoccupa gli abitanti dei paesi nella valle è che l’ordinanza giunta loro prevede sì la chiusura, ma non la riapertura della strada. Martedì 27 il sindaco di Schilpario Gianmario Bendotti parteciperà a un incontro in Provincia per fare il punto della situazione con le autorità.

Nel frattempo è stati riaperta al traffico la Castello – Colere che collega Colere con Vilminore. Qui, sulla provinciale 58, vigeva il divieto di passaggio per la caduta di alcuni massi sulla carreggiata. Mentre dal 12 ottobre scorso c’è divieto di circolazione per i mezzi pesanti che superano le 3 tonnellate e mezzo a causa di un piccolo ponte degradato in prossimità della località di Teveno.

Inoltre sulla strada chiamata “Val Notte”, famosa per essere una strada pericolosa specialmente con il buio, il traffico è consentito per una decina di metri solo su una corsia già da qualche mese.

Alessandra Raimondi

Agricoltura bergamasca: 2012 anno da dimenticare

campo di grano BERGAMO -- Il 2012 è stato un anno da dimenticare per agricoltori e agro-meccanici bergamaschi: ...

Violenza sulle donne: sagome senza parola a Bolgare

Foto Courtesy: progettoperbolgare.blogspot.com BOLGARE -- Un centinaio di sagome femminili, a dimensione naturale, immobili, silenziose, a simboleggiare il ...