iscrizionenewslettergif
Politica

Primarie Pd: Bersani e Renzi al ballottaggio

Di Redazione26 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Pierluigi Bersani e Matteo Renzi

Pierluigi Bersani e Matteo Renzi

ROMA — Comunque vadano sono state un successo le primarie per il Partito Democratico. Secondo quanto reso noto dal partito stesso, l’affluenza ha superato tutte le previsioni. Alle urne aperte in tutta Italia, si sono recate 4 milioni di persone. I risultati dicono che ad andare al ballottaggio saranno, come previsto, Pierluigi Bersani e Matteo Renzi.

I due candidati si affronteranno di nuovo domenica 2 dicembre per la sfida definitiva che indicherà il candidato del centrosinistra alle prossime elezioni nazionali.

In base ai voti scrutinati Bersani è avanti con il 44,3 per cento. Segue Matteo Renzi con il 36,3, poi Nichi Vendola con il 15,1, Laura Puppato al 2,9, Bruno Tabacci a quota 1,2.

“Sono stracantento, è stata una giornata magnifica – ha commentato l’attuale segretario nazionale del Pd -. Le ho volute, e volute aperte, queste primarie. E ho avuto un risultato molto forte. Chi vince è candidato premier dei progressisti, poi si vedrà. Bene al Sud? Posso dire che la sofferenza c’è in tutta Italia, ma nel sud c’è una sofferenza molto particolare. E io ho orecchio per la sofferenza. Credo che tutti e 5 ora dobbiamo fare una cosa insieme. Intanto berci una birra. Qualcuno dei contendenti non voleva il ballottaggio, se gli avessi dato retta ora avrei stravinto. Con le primarie invece siamo strasicuri che il candidato avrà la maggioranza dei consensi”.

“Ce la giochiamo” è stato invece il primo commento di Matteo Renzi. “Abbiamo stravinto nella maggior parte delle regioni rosse, nei comuni come Castelfiorentino dove il vecchio Pci prendeva l’80 per cento. Abbiamo vinto dove pensavano di vincere loro”.

“Cerchiamo di sconfiggere Bersani, di farlo lealmente. E se vincerà lui gli daremo una mano”, ha detto Renzi. “Se fossimo a Sanremo avremmo vinto il premio della critica, ma noi – ha aggiunto – vogliamo vincere il festival”.

La voce meno squillante del solito come conseguenza di una lunga giornata di voto, gli abbracci commossi di supporter e staff, la moglie Agnese in sala. Così il sindaco di Firenze si è presentato al comitato elettorale allestito alla Fortezza da Basso di Firenze, per commentare l’esito del voto.

Villa (Udc): le tensioni Pdl-Lega? Politica vecchia

Federico Villa BERGAMO -- Riceviamo e pubblichiamo questo intervento da parte del segretario cittadino dell'Udc Federico Villa ...

Grillo: primarie, ma quale boom? Costante discesa

I dati resi noti da Beppe Grillo sulle primarie del centrosinistra ROMA -- "Ma quale affluenza boom? I dati delle primarie del Pd indicano tutt'altro". Lo ...