iscrizionenewslettergif
Bergamo

Il sindacato di Polizia: evitare conclusioni affrettate

Di Redazione26 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Una volante della Polizia

Una volante della Polizia

BERGAMO — “Senza voler fare una cieca difesa campanilistica della categoria è bene sottolineare alcuni particolari che sono sfuggiti all’impeto mediatico di sbattere la Polizia su tutti i quotidiani e le Tv nazionali”. Lo sostiene il sindacato di Polizia Ugl, dopo le indagini effettuate nei confronti di alcuni agenti della Questura di Bergamo.

“In primis – spiega la segreteria regionale – è bene precisare che i poliziotti indagati sono otto e non undici, il che potrebbe fare sorridere qualcuno, ma che da un punto di vista della correttezza della veicolazione delle informazioni, assume una grande importanza per poter ridimensionare i fatti, che a nostro avviso hanno travalicato l’alveo del buon senso”.

“Leggere che tutti i poliziotti coinvolti passavano le loro giornate lavorative davanti ad un videogioco dipinge una situazione differente dalla realtà dei fatti, che siamo sicuri verrà chiarita in breve termine dalla Magistratura, tenuto conto che le contestazioni per alcuni, sono solo di pochi minuti passati a consumare il caffè nel bar annesso alla sala slot senza aver giocato nemmeno una volta”.

“Aver intrapreso un’indagine penale per fatti di questo genere, che potrebbero avere risvolti solo dal punto di vista disciplinare, ci è parso spropositato, credendo comunque fortemente nelle fonti del diritto, tenuto conto dell’effetto negativo sull’opinione pubblica”.

“Il parlare di poliziotti davanti alle slot machine durante il servizio, senza per altro specificare compiutamente i singoli addebiti, ha ingenerato nell’opinione pubblica un sentimento di disprezzo nei confronti di tutti gli appartenenti alla Polizia di Stato, nonostante i sacrifici che questi compiono per adempiere ai loro compiti istituzionali” precisa il sindacato.

“Gli eventuali abusi commessi in servizio dai singoli appartenenti in questa vicenda, seppur ancora in fase di accertamenti preliminari, non devono compromettere gli sforzi compiuti in questi anni finalizzati a incrementare la presenza di presidi di sicurezza sul territorio bergamasco, tenuto conto che a nostro avviso, la Questura di Bergamo risulta carente di personale e mezzi, così come da noi denunciato più volte nonché dai risultati dalle statistiche rilevate a livello nazionale”.

“Le nostre lamentele – precisa l’Ugl – sono sempre state dirette ad evidenziare una carenza di personale da destinare al controllo del territorio e prendiamo atto dalle parole del signor questore che ha provveduto a spostare, anche se a noi non risulta, personale da altri uffici per destinarli all’Ufficio volanti”.

“La nostra legittima protesta per recuperare uomini da destinare ai servizi di prevenzione e controllo, ha avuto l’effetto di togliere la vigilanza e la scorta all’Onorevole Calderoli, ma non ha portato a nessun incremento di personale in strada, tenuto conto che, dopo quattro mesi, l’Ufficio scorte della questura risulta ancora a pieno organico, nonostante il ridimensionamento dei servizi di competenza”.

“Dall’articolo tratto da L’Eco di Bergamo del 24 novembre rileviamo che il signor Questore, ha già espresso la sua condanna nei confronti di tutti gli otto dipendenti a prescindere dalle singole responsabilità, che ribadiamo, non sono ancora state ben definite ed accertate compiutamente, nonostante i provvedimenti giudiziari emessi e i relativi trasferimenti d’ufficio”.

“Dal canto nostro, invece, prima di trarre conclusioni facili ed affrettate, aspettiamo l’esito delle indagini e rimaniamo al fianco di tutti i colleghi della Questura di Bergamo, in attesa che i contorni della vicenda potranno essere chiariti” conclude l’Ugl.

Giocavano alle slot in servizio: 11 poliziotti indagati

La polizia BERGAMO -- Invece di essere in servizio erano a giocare alle slot machines. Undici, fra ...

Ubi, la Uilca: non paghino sempre i lavoratori

Ubi Banca BERGAMO -- "Consideriamo essenziale il superamento dal tavolo della discussione di qualsiasi intervento obbligatorio, sia ...