iscrizionenewslettergif
Sport

Formula 1, la pioggia non basta: Vettel campione del mondo

Di Redazione26 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Sebastian Vettel vince il titolo mondiale piloti di Formula 1

Sebastian Vettel vince il titolo mondiale piloti di Formula 1

INTERLAGOS, Brasile — Per qualche giro è stato virtualmente il campione del mondo. Ma alla fine della rocambolesca gara di Interlagos, gran premio del Brasile, il ferrarista Fernando Alonso nonostante il secondo posto non ce l’ha fatta e il titolo mondiale è andato al tedesco Sebastian Vettel su Red Bull.

Si tratta del terzo mondiale consecutivo vinto da Vettel. La gara in Brasile, complice la pioggia, è stata davvero emozionante fin dalla partenza. Al primo giro Vettel è entrato in collisione con Senna, ripartendo dal fondo. Con la vettura danneggiata lasciava via libera ad Alonso ma non si ritirava. Il ferrarista al termine del primo giro, è riuscito a superare con una sola manovra Webber e Massa, conquistando la terza piazza, mentre il rivale Vettel era ventiduesimo. Con questa classifica, lo spagnolo ha temporaneamente superato il tedesco nel mondiale.

Al quinto giro, tuttavia, Alonso è andato lungo, consegnando la terza posizione a Hulkenberg e perdendo nuovamente la vetta della classifica iridata. Al settimo giro, mentre Button e Hamilton hanno iniziato una furiosa lotta per la testa della corsa, Webber è andato in testacoda ripartendo dal fondo del gruppo e Grosjean ha perso il controllo della vettura ritirandosi.

La condizione del circuito non permetteva di capire quali gomme fossero più indicate tra le slick e le coperture da bagnato intermedio. Al diciannovesimo Hulkenberg ha conquistato la prima posizione ai danni di Button, alle loro spalle Hamilton e Alonso hanno deciso di montare nuovamente pneumatici da asciutto, imitati un giro dopo dalle Red Bull e da Massa.

Al 23esimo giro, a causa di molti detriti sparsi lungo il tracciato, il direttore di corsa ha deciso di mandare in pista la safety car, dietro la quale si sono accodati Hulkenberg, Button, Hamilton, Alonso, Vettel, Kobayashi, Webber, Di Resta, Ricciardo e Raikkonen nelle prime posizioni.

La corsa è regolarmente ripresa al 29esimo giro e nuovamente le Red Bull sono andate in difficoltà, con Vettel che è stato sopravanzato da Kobayashi e Webber che è stato autore di un altro lungo perdendo molte posizioni. Un paio di giri dopo Hamilton ha superato Button e Kobayashi e Alonso si sono scambiati le posizioni un paio di volte, al 34esimo giro Vettel è stato superato anche da Massa, in furiosa rimonta.

Con il progressivo asciugarsi della pista, tuttavia, le Ferrari hanno perso contatto rispetto alle vetture di Hulkenberg, Hamilton e Button che le precedevano. Vettel, sornione, si è messo alle spalle di Kobayashi in settima posizione, cercando di correre il minor numero possibile di rischi.

La gara è andata avanti tranquilla fino a quando la pioggia e una manovra al limite di Hulkenberg eliminavano il leader della corsa Hamilton, che si è visto piombare addosso la macchina dell’avversario e ha rotto una sospensione.

Al 59esimo giro il tedesco della Force India, secondo alle spalle di Button, ha dovuto scontare un drive through per la collisione con Hamilton, precipitando al quinto posto. Al 62° giro Alonso ha conquistato la seconda piazza, balzando davanti a Felipe Massa. Con la settima posizione di Vettel, lo spagnolo si è portato a un solo punto mondiale dal pilota della Red Bull, che sono diventati tre quando Vettel è riuscito a passare anche Schumacher.

E così sono finite le speranza della Ferrari. Vettel chiude il campionato mondiale in testa alla classifica con 281 punti. Alonso si ferma solo a 278.

Cuore rossonero: il Milan batte la Juve 1-0

Cuore rossonero: il Milan batte la Juve per 1-0 MILANO -- Prosegue la striscia di risultati positivi del Milan. Ieri sera, nella super sfida ...

Genoa concreto: l’Atalanta perde in casa 0-1

Radovanovic al suo rientro, allarga le braccia sconsolato BERGAMO -- Una brutta battuta d'arresto. L'Atalanta perde in casa contro il Genoa dell'ex allenatore ...