iscrizionenewslettergif
Readers

Corsie preferenziali: Legambiente attacca Ceci

Di Redazione22 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gianfranco Ceci, assessore comunale alla Mobilità

Gianfranco Ceci, assessore comunale alla Mobilità

BERGAMO — Apprendiamo dalla stampa che il vicesindaco Gianfranco Ceci avrebbe dichiarato a proposito delle corsie preferenziali previste nel Piano urbano del traffico (Put): “I due nuovi tracciati erano proposte tecniche sulle quali abbiamo già maturano la nostra riflessione e la conclusione è che le criticità supererebbero di gran lunga i vantaggi. Soprattutto nelle ore di punta, si formerebbero infatti dei tappi su arterie che, nonostante le due carreggiate per ciascun senso si marcia, si trovano a fare i conti con flussi di traffico già notevoli”.

Ci permettiamo una domanda: ma il Put non è stato elaborato dagli uffici dell’assessorato alla Mobilità? Queste analisi non avrebbero dovuto essere condotte prima di inserirle in uno strumento di pianificazione che dovrebbe permettere a Bergamo di “mantenere i primi posti in tutti i report nazionali relativi al tema delle infrastrutture, della mobilità, dei trasporti”?

Ci permettiamo di citare il Piano urbano del traffico: “Il documento di Piano è redatto come insieme coordina di intervento per il miglioramento delle condizioni della circolazione stradale nell’area urbana, dei pedoni, dei mezzi pubblici e dei veicoli privati”.
Di conseguenza eliminare uno degli elementi vuol dire rimettere in discussione l’insieme complessivo del documento.

Ci permettiamo di ricordare all’Avvocato Ceci che la giunta ha licenziato un documento su cui ora deve raccogliere le osservazioni di tutti i portatori di interessi comuni. In questo documento a pagina 41 c’è scritto: “In via prioritaria dovrà essere valutata l’ipotesi di riservare al trasporto pubblico locale la tratta da Via Lochis/incrocio via Polaresco e via Briantea/incrocio via Croce Rossa”.

Dopo il 12 dicembre 2012 le osservazioni verranno valutate dagli uffici dell’assessorato alla Mobilità che esprimeranno un parere tecnico quindi passeranno in Consiglio Comunale che dovrà discuterle tutte per cercare di migliorare il più possibile il piano. Sottolineiamo: tutte le osservazioni devono essere discusse dal consiglio comunale per cercare di migliorare il Put a favore di tutti i cittadini. Quindi fino alla discussione in aula la proposta di corsia preferenziale su via Lochis è un’ipotesi che potrebbe venire realizzata.

Sinceramente preferiremmo che venisse migliorata (e in questa direzione ci muoveremo) magari prevedendo un sistema informatizzato che permetta l’uso della corsia preferenziale ai residenti di Longuelo. Sinceramente avremmo preferito che l’assessorato alla Mobilità attivasse dei percorsi di partecipazione della cittadinanza per arrivare alla stesura del Put, cercando di coinvolgere prima dell’estensione del piano definitivo i cittadini.

Ma resta il fatto che la Giunta ha licenziato un documento e quindi ora deve raccogliere le osservazioni dei cittadini e cercare di capire come far sì che codeste osservazioni migliorino il Put.

La giunta ritiene di avere fatto un errore? Il sindaco ritiene di aver licenziato un documento contenente delle proposte troppo coraggiose? L’assessore alla Mobilità Ceci ritiene che l’operato dei suoi uffici (e suo) sia stato troppo azzardato?

Ritirino il Put e lo modifichino. Non è pensabile altro percorso. Non esistono accordi con categorie, capigruppo, associazioni o altro. Esistono delle osservazioni che devono essere valutate nel loro complesso dagli uffici e votate dal Consiglio Comunale. Non lo dice Legambiente, lo dice la legge.

In alternativa, se il rumore fatto da alcuni vale a modificare il Put a discapito delle regole di convivenza ditecelo: ci vuole molto poco a fare rumore…

Nicola Cremaschi
Legambiente Bergamo

Bergamo, Circoscrizioni: il pressapochismo del Pdl

Palazzo Frizzoni, sede del Comune di Bergamo BERGAMO -- Dopo anni d’incomprensioni siamo arrivati alla resa dei conti in Circoscrizione 2, con ...

Via Broseta: duemila firme contro le corsie preferenziali

Duemila firme contro la corsia preferenziale in via Broseta BERGAMO -- Il 29 novembre 2012 è stato depositato presso l’Ufficio Protocollo del Comune di ...