iscrizionenewslettergif
Primo Piano

Scontri e guerriglia urbana durante i cortei in tutta Italia

Di Redazione15 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Scontri tra no global e forze dell'ordine durante i cortei della Cgil

Scontri tra no global e forze dell’ordine durante i cortei della Cgil

ROMA — E’ accaduto il finimondo ieri durante gli scioperi per il lavoro e la scuola che si sono tenuti in tutta Italia. In diverse città ci sono stati violentissimi scontri fra i manifestanti e la polizia.

Episodi di guerriglia urbana si sono registrati a Roma, Torino, Milano e Padova. Decine di agenti feriti, una cinquantina di manifestanti fermati nella Capitale.

In serata, il ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri, che ha seguito dal Viminale l’evoluzione della situazione, ha espresso “la più ferma condanna per i gravi episodi di violenza” ed ha espresso, inoltre, al capo della Polizia, Antonio Manganelli, il proprio “apprezzamento per l’operato delle Forze di polizia, che hanno evitato maggiori e più gravi conseguenze per l’ordine pubblico, per la sicurezza e per l’incolumità dei cittadini”.

Gli episodi di maggior rilievo si sono verificati a Roma. Otto le persone arrestate a seguito degli scontri al corteo. Altre 8 persone sono state denunciate, ma non è escluso che altre persone tra quelle identificate oggi possano essere denunciate nei prossimi giorni.

Tra gli arrestati, a vario titolo per violenza, resistenza a pubblico ufficiale e utilizzo di oggetti atti ad offendere, c’é anche una donna. Cinque persone, quasi tutte tra i 20 e i 30 anni, sono state arrestate dagli agenti del commissariato Viminale, due della Digos e una dai carabinieri.

Voragine nel ponte: 3 morti in Toscana

La voragine che si è aperta sul ponte GROSSETO -- Il maltempo ha provocato tre morti nel Grossetano. Si tratta di tre dipendenti ...

Hamas lancia missile su Tel Aviv: abbattuto

Il sistema Iron Dome in azione TEL AVIV, Israele -- Le sirene d'allarme hanno emesso il loro terrificante ululato. Poi è ...