iscrizionenewslettergif
Provincia

Materiali Brebemi: irregolari 8 campioni su 10

Di Redazione15 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il cantiere della Brebemi di Fara Olivana

Il cantiere della Brebemi di Fara Olivana

BERGAMO — “La maggior parte dei campioni non sono accettabili per non conformità alle dimensioni granulometriche consentite dalla legge”. E’ quanto si legge nell’analisi dei materiali depositati sotto il sedime della Brebemi nei cantiei di Cassano d’Adda e Fara Olivana. Ma non solo: alcuni campioni presentano tracce di cromo e arsenico.

La perizia tecnica, frutto del lavoro dell’ingegnere Paolo Rabitti e del geologo Gian Paolo Sommaruga e disposta dal giudice per le indagini preliminari della Procura di Brescia Cesare Bonamartini, è stata depositata in tribunale nei giorni scorsi.

Secondo quanto si legge nella documentazione, l’80 per cento del materiale finito sotto il tracciato della nuova autostrada, in quei due cantieri, non sarebbe conforme alle norme di legge. In altre parole, non sarebbe passato per le macchine frantumatrici dell’impianto di Biancinella, gestito dall’imprenditore bergamasco Pierluca Locatelli, come invece doveva.

A Cassano le dimensioni del materiale sono fuori norma in 14 campioni su 21. Mentre a Fara Olivana non superano l’esame 12 campioni su 14. Secondo i periti “si rafforza l’ipotesi che il materiale in ingresso all’impianto, qualora transitato, sia stato solo scaricato e ricaricato direttamente senza subire trattamenti e quindi senza che sia avvenuta la trasformazione da rifiuto a materie prime secondarie”.

I due cantieri, ricorderete, sono rimasti sotto sequestro per mesi per l’inchiesta della procura di Brescia per traffico illecito di rifiuti che ha messo nei guai Locatelli e i suoi più stretti collaboratori.

Secondo le risultanze dei periti, i materiali sepolti là sotto non sarebbero compatibili con le norme ambientali. Nel cantiere di Cassano un campione mostra cromo oltre il limite di legge. Mentre a Fara Olivana un campione è oltre il limite per cromo e arsenico.

Operaia morta per amianto: imprenditore rinviato a giudizio

Il pericolosissimo amianto VILLONGO -- Dovrà rispondere della morte di un'operaia colpita da mesotelioma pleurico, provocato dall'esposizione all'amianto. ...

Ragazza morta, l’autopsia: polmonite fulminante

Debora Previtali BERGAMO -- Polmonite fulminante. E' questa la causa della morte di Debora Previtali, la giovane ...