iscrizionenewslettergif
Provincia

Allarme rapine fra i benzinai della Bergamasca

Di Redazione13 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
E' allarme rapine frai benzinai della Bergamasca

E’ allarme rapine frai benzinai della Bergamasca

BERGAMO — E’ emergenza sicurezza tra i benzinai bergamaschi. Negli ultimi mesi molti impianti sono stati presi di mira da bande di delinquenti che derubano e danneggiano le stazione poste sulle principali direttrici della viabilità ordinaria provinciale.

Dopo l’ultimo episodio avvenuto nella notte a Verdello ai danni della stazione Agip di Via Roma, l’Associazione commercianti a nome dei benzinai aderenti ha deciso di scrivere al Prefetto per denunciare la drammatica situazione in cui versano i gestori di carburanti della provincia.

“La situazione è divenuta insostenibile – afferma il presidente dei benzinai Ascom Giuseppe Milazzo, anch’egli vittima di un furto nelle scorse settimane -. Rischiamo di chiudere per mancanza di sicurezza. C’eravamo prefissi di non dare enfasi agli ultimi fatti di cronaca avvenuti ai danni dei nostri colleghi per non creare allarmismi, ma ora si sta degenerando. Il furto avvenuto nella notte è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso”.

La stazione Agip di Verdello, gestita da Pierangelo Cassotti, ha subito tra ottobre e novembre tre furti, l’ultimo appunto nella notte tra lunedì e martedì. La merce trafugata consiste in particolare in sigarette e gratta e vinci.

“Al collega oltre al danno ingente per l’immobile danneggiato e la merce rubata, si aggiunge anche la beffa: le assicurazioni non sono più disponibili a coprire i rischi” spiega con rammarico Milazzo.

La mancanza di copertura assicurativa è una novità che si insinua in questa difficile condizione in cui i gestori di carburante si trovano.

La drammaticità delle circostanze che si sono venute a creare spinge Ascom a scrivere al Prefetto, perché chieda al Governo di attivare un piano straordinario per la salvaguardare la sicurezza delle persone e delle imprese che vivono e operano sulla strada e quindi più vulnerabili di altre rispetto agli attacchi malavitosi.

“Dentro questo contesto drammatico diamo la nostra piena solidarietà sia ai colleghi, e in particolare al collega Cassotti, che alle forze dell’ordine impegnate, in questo periodo di carenza di mezzi e persone, nel fronteggiare la situazione di insicurezza” afferma Milazzo.

Nei prossimi giorni, quindi, da via Borgo Palazzo, sede dell’Associazione Commercianti, partirà una formale richiesta di aiuto indirizzata al Prefetto di Bergamo.

La Provincia: sull’impianto di Cavernago già intervenuti

La Provincia di Bergamo CAVERNAGO -- "La Provincia di Bergamo rilascerà il nulla osta al riavvio dell'impianto (attualmente fermo) ...

Cgil: mercoledì sciopero generale, treni a rischio

sciopero generale cgil BERGAMO -- Tutto è pronto a un giorno dallo sciopero generale della Cgil proclamato a ...