iscrizionenewslettergif
Readers

La proposta, uno ski pass unico: Presolana Ski

Di Redazione11 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il Monte Pora e sullo sfondo la Presolana

Il Monte Pora e sullo sfondo la Presolana

CASTIONE DELLA PRESOLANA — Vivo gran parte del mio tempo libero in montagna praticando svariate attività (dalle semplici camminate a escursioni più impegnative, mountain bike, arrampicata e sci alpino). Penso che un dialogo aperto sia sempre una fonte di crescita ed arricchimento ritenendo che con alcune persone, che si definiscono ambientalisti, io li definisco moralisti, spesse volte è impossibile ogni tipo di dialogo. Si nascondono dietro alla loro notevole capacità dialettica aiutati da qualche “aggancio” politico o giornalistico.

Reputo però che le loro “denunce” a volte sono corrette, anche io infatti, che non sono ambientalista ma ho un notevole rispetto per la natura, ritengo assurdo sentire nel silenzio che solo la montagna mi può dare il rumore delle moto da enduro, respirare gli scarichi delle motoslitte, fare zig-zag nei sentieri rovinati dai quad, vedere degli elicotteri che rovinano i piani di una domenica tranquilla nella natura.

Quello che non capisco è la guerra nei confronti dei comprensori sciistici. Ma nessuno ha mai detto a questi signori che le Dolomiti, Patrimonio dell’Unesco, sono piene di impianti sciistici, e la gente vive in montagna grazie a questo?

E’ vero le Orobie possono essere diverse dalle Dolomiti, ma le Dolomiti ripeto, Patrimonio dell’Unesco, sono piene di impianti e di servizi pensati per questa disciplina.

D’altro canto la “colpa” di un mancato adeguato sviluppo turistico nelle Orobie non è solo la loro, vedo una notevole incapacità di fare squadra, piccole stazioni sciistiche si fanno la guerra tra loro non capendo che la diversità è sempre un vantaggio. Mi riferiscono in particolar modo alla gestione assurda di Colere. A volte non servirebbe avere i comprensori uniti fisicamente (sci ai piedi) ma basterebbe avere dei comprensori uniti con skibus (almeno quelli più vicini), biglietto unico, impianti più moderni.

Per esempio, perchè non fare un Presolana Ski, unendo con skibus e biglietto unico Colere-Presolana e Monte Pora (gli unici quest’ultimi che probabilmente hanno un’idea su cosa è lo sci). Sarebbe un comprensorio a mio avviso completo per esposizione, difficoltà piste, si potrebbe “sfruttare” la capacità ricettiva di Castione delle Presolana (unica località pronta al salto di qualità), senza dover costruire nuovi impianti e cementificare.

Personalmente ritengo questa zona l’unica delle Orobie “vendibile” sul mercato per la bellezza dei luoghi. Perché inoltre non fare di Schilpario un centro importante con gare mondiali per lo sci di fondo? Perché non sviluppare altre piste di fondo nella zona di Malga Epolo? Perché?

Inoltre vorrei fare un esempio, riferendomi ad un articolo del Sig.Sapienza (con il quale condivido alcune idee come dimostrato in questo articolo) in merito a delle moto da enduro nella zona dello Scanapà. Premetto che anche io avrei denunciato l’accaduto reputando questa zona molto bella, poco frequentata, probabilmente non perché non conosciuta ma forse perché ritenuta erroneamente “escursione poco remunerativa”.

Salendo sulla Scanapà dal Passo è possibile vedere i resti della vecchia seggiovia, (gli elicotteri infatti servirebbero a smantellare non a portare le persone al Magnolini), arrivando in cima c’è un capanno ormai dismesso, proseguendo per Vareno-Pora è possibile incontrare nr°4 vecchie malghe ormai in completo disuso. Vorrei chiedere anche all’autore dell’articolo se questa zona fosse collegata con impianti al Pora (come da vecchio progetto) le malghe sopra citate non potrebbe essere utilizzate come ristori/rifugi utilizzate in inverno e di conseguenza anche in estate?

Per finire reputo il collegamento Colere-Lizzola utile ma non la panacea di tutti i mali, deve cambiare la mentalità di alcuni imprenditori o pseudo tali.
Lo scopo di questo breve articolo è di dimostrare che nel rispetto della natura è possibile fare tanto, abbiamo alcune zone ed alcune montagne (Presolana su tutte) che possono competere con altre più blasonate. La gente delle Orobie può e deve vivere nelle Orobie di turismo.

Marco Piantoni

Chiediamo criteri antisismici per le medie di Villa d’Almé

Un sismografo VILLA D'ALME' -- Ho letto con attenzione ed interesse un interessante articolo sulla stampa locale ...

Piano aria a Bergamo: le osservazioni di Legambiente

Il traffico a Bergamo BERGAMO -- Abbiamo avuto notizia dalla stampa del piano in 25 punti che l'assessore comunale ...