iscrizionenewslettergif
Bassa

Violentavano e filmavano studentesse: arrestati due operai

Di Redazione8 novembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I carabinieri in azione

I carabinieri in azione

BERGAMO — Violenza sessuale, pornografia minorile, porto d’arma bianca abusivo e tentata violenza privata. Sono queste le accuse a cui dovranno rispondere due operai di 22 e 25 anni, uno di Soncino e uno di Casaletto di Sopra (Cremona), arrestati ieri pomeriggio a Crema. Alcuni degli episodi contestati sarebbero avvenuti in un edificio della Bassa Bergamasca.

L’arresto è avvenuto in flagranza di reato. I due sono stati bloccati fuori da un bar, nei pressi di un istituto scolastico di Crema, mentre stavano tentando di far salire in macchina una ragazza di 17 anni che in precedenza aveva già dovuto subire le loro angherie.

Era stata proprio la denuncia della minorenne a far partire le indagini. Violenze, filmini e ricatti. I due avevano minacciato mettere su internet il video filmato durante un rapporto sessuale avvenuto nel maggio scorso. Secondo quanto appurato dalle indagini, la ragazza sarebbe stata attirata all’ultimo appuntamento da una compagna di classe, a sua volta ricattata e molestata.

La macchina su cui erano i due, una Fiat Punto intestata alla madre di uno di loro, è stata sequestrata. Nella vettura i carabinieri hanno trovato una katana, spada dei samurai. E poi telefoni, un computer, una fotocamera, chiavi usb, schede memoria e schede telefoniche Sim caricate con immagini e video porno.

Dall’analisi dei video e dalle dichiarazioni raccolte dai carabinieri è emerso che i due operai sono riusciti a condizionare il comportamento di diverse studentesse. La ragazza fatta salire in macchina a maggio, con l’inganno e la complicità di un’amica, sarebbe stata costretta a pratiche sessuali in un edificio in provincia di Bergamo.

L’amica, a sua volta, avrebbe subito un’aggressione registrata. Per questo è stata costretta a lasciare il fidanzato e collaborare con i due aggressori per agganciare l’altra ragazza.

I due sono stati portati nel carcere di Crema, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Scuola Treviglio, l’assessore: niente falda, detersivo sui rubinetti?

L'istituto tecnico Mozzali di Treviglio TREVIGLIO -- Nella mattinata di mercoledì 7 novembre una decina di ragazzi hanno lamentato dolori ...

Scuola Treviglio: chi è tranquillo, chi non sa e chi ha paura

Automediche e ambulanze alla scuola Mozzali di Treviglio TREVIGLIO -- Il Comune continua a ripetere che non servono allarmismi. La scuola mette cartelli ...