iscrizionenewslettergif
Italia

Melania, oggi la sentenza: Parolisi rischia l’ergastolo

Di Redazione26 ottobre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Salvatore Parolisi e Melania Rea

Salvatore Parolisi e Melania Rea

TERAMO — Sarà il giorno più lungo per Salvatore Parolisi. Oggi il tribunale di Teramo dovrà emettere la prima sentenza sull’omicidio di Melania Rea che vede unico imputato l’ex caporalmaggiore, marito della vittima.

A un anno e mezzo dal delitto avvenuto il 18 aprile del 2011, oggi si deciderà se a uccidere Melania sia stato Parolisi. La sentenza del processo di primo grado con il rito abbreviato è attesa in tarda serata.

Il pubblico ministero, nella sua arringa ha chiesto l’ergastolo, definendo il caporalmaggiore colpevole senza attenuanti. Parolisi rischia anche di perdere la figlia.

Secondo l’accusa, l’ex caporalmaggiore dell’esercito non merita attenuanti. Avrebbe ucciso la moglie Melania Rea con 35 coltellate nella pineta di Ripe di Civitella, sulle colline al confine fra Marche e Abruzzo. Pur non essendoci una prova schiacciante, sono tre le aggravanti che pesano sull’imputato. La crudeltà, il vilipendio di cadavere per depistare le indagini e la «minorata difesa», cioè la condizione di debolezza nella quale era venuta a trovarsi Melania che non ha potuto opporre resistenze al suo carnefice.

Terremoto magnitudo 5 in Calabria: un morto dallo spavento

Violento terremoto fra Calabria e Basilicata COSENZA -- La terra ha tremato in piena notte. Una scossa violentissima, del quinto grado ...

Colpita da meningite: muore studentessa di 15 anni

Drammatica vicenda di meningite a Meda MONZA -- Stroncata nel giro di due giorni dalla meningite. E' allarme a Meda per ...