iscrizionenewslettergif
Mamme e Bimbi

Pediatri: i generici sono una risorsa

Di Redazione19 ottobre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il pediatra

Il pediatra

“Nei confronti del farmaco generico non abbiamo nessuna preclusione, anzi riteniamo che possa costituire una risorsa”. Parola di Giuseppe Mele, presidente della Fimp (Federazione italiana medici pediatri).

“Del resto – spiega l’esperto – non abbiamo registrato problemi con le molecole fin qui utilizzate. Inoltre abbiamo istituito da tempo una scuola che offre formazione sul concetto di bioequivalenza in riferimento ai livelli ematici. Per cui sappiamo bene che un generico ha le stesse caratteristiche di un farmaco griffato e che l’uso del generico in pediatria risponde a criteri di appropriatezza”.

Quanto alle obiezioni spesso avanzate riguardanti gli eccipienti, “È un aspetto che vale per il senza brevetto come per il branded – spiega Mele – Noi comunque vogliamo che gli stessi farmaci debbano avere la stessa composizione farmacologica, in quanto la compliance del bambino è differente da quella di un adulto: ci si aspetta pertanto da parte di chi produce un farmaco bioequivalente che quest’ultimo dia garanzia di produzione – ovvero che sia di origine controllata e garantita – e offra le stesse formulazioni di quelli griffati. Il bimbo, infatti, non è un piccolo adulto e deve necessariamente avere a disposizione le stesse formulazioni di cui dispone il farmaco di marca”.

Bimbi: le manine pulite proteggono la salute

Salute e mani pulite Lavare spesso le manine dei propri bimbi pare essere un gesto di protezione legato più ...

Bimbi: la salute nasce in gravidanza

Salute in gravidanza I primi tre anni sono i più importanti per mettere solide basi alla salute di ...