iscrizionenewslettergif
Psicologia

Storie negative: fonte di ansia e stress per le donne

Di Redazione15 ottobre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Le donne sono più sensibili nei confronti delle storie negative

Le donne sono più sensibili nei confronti delle storie negative

L’ascolto o la lettura di storie negative aumenta i livelli di stress delle donne, ma non quelli degli uomini. Lo rivela un nuovo studio dell’Università di Montreal pubblicato sulla rivista “Plos One”.

Le cattive notizie divulgate dai media aumentano la sensibilità delle donne alle situazioni stressanti, e soprattutto mantengono un posto nella loro memoria, nitido e duraturo.

“E’ difficile evitare le notizie, considerando il gran numero di fonti di informazione che ci bombardano quotidianamente – ha detto Marie-France Marin, responsabile dell’indagine -. E se tutte queste notizie reali fossero un male per noi? La nostra ricerca sostiene che le conseguenze peggiori sono subite dal pubblico femminile”.

“Quando il nostro cervello percepisce una situazione minacciosa, i nostri corpi iniziano a produrre gli ormoni dello stress che entrano nel cervello e modulano i ricordi di eventi stressanti o negativi – ha spiegato la coautrice Sonia Lupien – Le notizie hanno reso le donne più reattive, vulnerabili e propense a non dimenticare”.

Al via il Festival della cultura psicologica

La locandina del Festival "Il benessere a portata di mente". Questo lo slogan con cui l'Ordine degli psicologi della ...

L’imbarazzo dell’ascensore

L'imbarazzo in ascensore Sono milioni le persone che prendendo l'ascensore si sentono in imbarazzo. Uno studio americano, condotto ...