iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Politica

Liste per l’Italia: parte da Bergamo la sfida dei moderati

Di Redazione11 ottobre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Valerio Bettoni

Valerio Bettoni

BERGAMO — Consiglieri regionali, provinciali e comunali, sindaci e amministratori rappresentativi di tutte le province lombarde, a titolo personale e senza etichette di partito, si incontreranno sabato 13 ottobre alla Casa del Giovane di Bergamo, in via Gavazzeni 13, con le organizzazioni del mondo del lavoro e della economia che hanno promosso il “Documento di Todi per il Buon Governo”.

Un consistente pezzo del Pil lombardo (Cisl, Confindustria, Confartigianato, Confcommercio, Coldiretti, Confcoperative) ricerca una base sociale e culturale con una rete di amministratori e politici della Lombardia che sia sprone alle incertezze romane per una nuova area centrale dell’assetto politico nazionale che consenta la continuità degli impegni assunti con l’Europa per uscire dalla crisi.

Dopo il fallimento di Formigoni e della Lega al governo della Lombardia per quasi vent’anni, la ricerca di un’alternativa forte e credibile dei moderati e dei riformatori vuole essere una spinta propulsiva, con la proposta di una rete civica per la Lombardia, alla formazione delle “Liste per l’Italia”. Disegno di progettualità politica che può consentire il mantenimento degli impegni di integrazione europea prevalendo su massimalismi e populismi diffusi a destra e a sinistra.

Promosso da Valerio Bettoni e da un innumerevole grippu di personalità politiche e non, l’incontro vedrà la partecipazione del parlamentare Savino Pezzotta, del presidente dei giovani Democrazia Cristiana Riccardo Pozzi, della docente dell’Istituto Toniolo Rita Bichi, del presidente della provincia di Trento, Lorenzo Dellai, nonché di Gilberto Bonalumi e Gianni Fontana.

Sul palcoscenico per la sessione pomeridiana ci saranno anche Gianni Bottalico dell’Acli, Alberto Barcella di Confindustria, Francesco Rivolta di Confcommercio, Giorgio Guerrini di Confcooperative, Ettore Prandini di Coldiretti moderati dal vicedirettore de L’Eco Franco Cattaneo.

Le conclusioni sono state affidate al presidente dell’Istituto Don Sturzo Roberto Mazzotta.

L’ultimo immortale: Formigoni azzera la giunta

Roberto Formigoni, politicamente immortale MILANO -- "Sono sempre qui, non mi dimetto. Anzi, azzero la giunta". Passa fra le ...

Dieci anni per un processo: Gallone presenta interrogazione

Alessandra Gallone BERGAMO -- "La giustizia ordinaria è ancora troppo lenta. E' un sistema che non funziona. ...