iscrizionenewslettergif
Poesie

“Dalla gabbia” di Stefano Dal Bianco

Di Redazione11 ottobre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Vi sono giorni di debolezza estrema
poiché – dice qualcuno – la pressione
atmosferica di fuori,
che ha potere sui corpi, essendo bassa,
si consustanzia a noi fin dentro il sangue
con la sua tenera virtù di morte.
Ma altri vi potranno assicurare
(e oggi io sono tra quelli)
che tutto questo spossamento, in certi giorni,
non procede dall’aria né dal corpo
ma è soltanto dolore
di anime costrette,
solitudine di molti,
vuoto vissuto male,
mancanza o assenza di uno scopo
.

“La madre” di Ada Negri

Ada Negri Vedova, lavorò senza riposo per la bambina sua, per quel suo bene unico, da lo sguardo luminoso; per ...

“Sonetto dei sette cinesi” di Franco Fortini

stampa cinese Una volta il poeta di Augsburg ebbe a dire che alla parete della stanza aveva appeso l’Uomo ...