iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Poesie

“La madre” di Ada Negri

Di Redazione10 ottobre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Ada Negri

Ada Negri

Vedova, lavorò senza riposo
per la bambina sua, per quel suo bene
unico, da lo sguardo luminoso;

per essa sopportò tutte le pene,
per darle il pan si logorò la vita,
per darle il sangue si vuotò le vene. –

La bimba crebbe, come una fiorita
di rose a maggio, come una sultana,
da la materna idolatria blandita;

e così piacque a un uom quella sovrana
beltà, che al suo desio la volle avvinta,
e sposa e amante la portò lontana!…

… Batte or la pioggia dal rovaio spinta
ai vetri de la stanza solitaria
ove la madre sta, tacita, vinta:

schiude essa i labbri, quasi in cerca d’aria;
ma pensa: “La diletta ora è felice… “.
E, bianca al par di statua funeraria,
quella sparita forma benedice.

“Ad Annie” di Giosué Carducci

Ad Annie Batto a la chiusa imposta con un ramicello di fiori glauchi ed azzurri, come i tuoi ...

“Dalla gabbia” di Stefano Dal Bianco

Vi sono giorni di debolezza estrema poiché – dice qualcuno – la pressione atmosferica di fuori, che ha ...