iscrizionenewslettergif
Fotonotizie

Enogastronomia: a Cortina vince il gusto

Di Redazione8 ottobre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

CORTINA D’AMPEZZO — Ha riscosso un notevole successo la prima edizione di “GustoCortina”, il festival delle eccellenze enogastronomiche italiane che si è tenuto nello scorso fine settimana all’Hotel de la Poste, nella celebre località turistica di montagna.

Due giorni dedicati a degustazioni e assaggi; una kermesse che si è imposta da subito per lʼelevato valore qualitativo delle proposte e per la presenza di importanti operatori, anche esteri, di settore.

Lʼatmosfera era quella delle grandi occasioni, lʼeleganza e la raffinatezza dei saloni dello storico albergo di Cortina unite alla concretezza di un parterre competente ed esperto. Banchi dʼassaggio allestiti in modo originale e “gustoso” e oltre 200 etichette in rappresentanza di ogni distretto vinicolo hanno offerto una visione globale del Gusto italiano inteso prima di tutto come cultura.

Altissimo il flusso di visitatori, giornalisti accreditati e addetti ai lavori; gli operatori cinesi, importanti buyers russi e il Presidente di Konfindustria Albania hanno conferito alla kermesse una valenza internazionale.

Grande interesse intorno agli attesi convegni; quello di apertura dedicato al progetto Cina di Luigi Bellini che ha svelato lo sviluppo architettonico innovativo delle enoteche concepite come veri e propri cenacoli contemporanei, illustrati dal progettista Paolo Barozzi, introdotto da unʼapprezzata prefazione di Alessandro Regoli, direttore di WineNews e completato dallʼintervento della dottoressa Mollo, responsabile dei finanziamenti europei
per le aziende che investiranno nel mercato estero. Molto seguito per il seminario sulle erbe spontanee, durante il quale il professore Baruchello e la giornalista Egle Pagano hanno invitato gli amministratori locali ad organizzare corsi per educare alla conoscenza delle erbe.

Dopo lʼaccurata relazione sulla storia del vino del prof. Sergio Sgarbi, introdotto dalla giornalista Raffaeli Ghedina, il convegno finale con gli ideatori del Vigneto 1350 e Gianluca Bisol che proiettano idealmente Cortina nel panorama della viticoltura eroica. E saranno proprio i vini eroici a sbaragliare tutti nella premiazione finale.

Particolarmente suggestive le serate di gala nelle case private di Cortina che hanno coinvolto produttori e chef in abbinamenti prestigiosi; scenari unici e irripetibili per respirare lʼatmosfera dellʼautentica ospitalità ampezzana. Dalla raffinatezza dellʼarpa celtica e del violoncello che hanno deliziosamente accompagnato i cappelletti con fonduta di formaggio al tartufo proposti dallo Chef Hubert Rubatscher alla prelibatezza degli spaghetti freddi con tartare di pesci nobili e caviale, specialità di punta dello chef Graziano Prest di Cortina.

I cappellacci di segale ripieni ai porcini con burro di cirmolo una delle proposte dellʼapprezzato chef Luigi Dariz, le cosciette di quaglia farcite al tartufo e fontina dʼalpeggio con polentina di storo lʼoriginale piatto dello chef Eddy Calzà; il migliore abbinamento votato dalla giuria la tartare di cervo su tronco ai profumi di bosco dello chef Riccardo de Prà con il Rubesco Riserva Vigna Monticchio 2006 delle Cantine Lungarotti.

Un plauso alle splendide padrone di casa che, in eleganti costumi ampezzani, hanno accolto gli ospiti regalando atmosfere differenti, classe e sorrisi ; un gala tour inedito che ha coinvolto i presenti alla scoperta non solo dei sapori, ma anche delle architetture e degli ambienti. Le case, attorno alle quali era stato mantenuto il riserbo, si sono svelate con lʼaccensione di originali totem luminosi riproducenti il logo “GustoCortina” realizzati appositamente dalle più qualificate maestranze locali, ed ideati dal noto studio di architettura Cortina Style.

La domenica si apre con la giuria di giornalisti ed esperti impegnata nella suggestiva degustazione alla cieca delle 40 etichette in concorso; i giornalisti Egle Pagano, Alessandro Regoli, Marcello Coronini e lʼoutsider Patrizia Siliprandi, capitanati dal direttore del Cervim Gianluca Macchi, nel rigoroso silenzio della “Sala Hemingway” dellʼHotel de la Poste decretano gli attesi vincitori della sezione “Wine”. Lo Sforzato di Valtellina “Messere 2006” Caven Camuna sbaraglia tutti e si aggiudica il premio come miglior vino in assoluto della kermesse, oltre che miglior vino rosso.

Tra i bianchi, ad emergere è il Costa dʼAmalfi Furore Doc 2010 “Fiorduva” di Marisa Cuomo, miglior bollicine lʼAquila Reale Riserva 2004 Trento doc di Cesarini Sforza, miglior vino dolce il sorprendente Sciacchetrà Cinque Terre Doc 2010 della Cantina Buranco.

Lʼetichetta più comunicativa è quella del Ronco delle Mele di Venica & Venica, mentre la più elegante quella del Brunello di Montalcino 2006 Riserva Docg di Castello di Romitorio dellʼartista Sandro Chia. La Malvasia del Carso 2011 “Dileo” della friulana Cantina Castelvecchio è “menzione speciale” della giuria.
Nella sezione FOOD il miglior olio è Cicolella e il miglior formaggio Lüch da Pcei, che si aggiudica anche, con il “Cinema in Stalla”, il premio come esperienza più originale della sezione “Travel”.

Altre medaglie per Il Noceto, Royal Food Caviar, Pasta EAI food e Jolanda de Colò, premiato come fornitore preferito dagli chef. Beduschi vince come miglior cioccolato, Pasqualin trionfa con i suoi prestigiosi e profumati tartufi. Per il “Turismo del gusto”, lʼesperienza più audace premia Bisol e lʼisola Venissa della laguna veneta, che lancia dal palcoscenico di Cortina lʼidea di un gemellaggio con il Vigneto 1350.

La location più suggestiva è il Relais Borgo Scopeto in Toscana, mentre la più bella esperienza enogastronomica si vive al Castello di Roncade. Fanes Group in Alta Badia vince come esperienza più coinvolgente, miglior esperienza vinicola è lʼEsperienza Filari lanciata con successo in tutto il mondo dalla nota catena italiana dei Baglioni Hotels.

Vini: il Brunello di Montalcino sbarca a Bergamo

Bottiglie di Brunello di MontalcinoBERGAMO -- Non era mai accaduto in Bergamasca. Il prossimo 20 Ottobre trenta produttori aderenti ...

Merlot e Cabernet: concorso internazionale a Bergamo

Merlot e Cabernet protagonisti a BergamoBERGAMO -- Internazionalità: è la parola chiave dell’ottava edizione del concorso enologico "Emozioni dal mondo ...