iscrizionenewslettergif
Sport

Atalanta sprecona: la Roma vince per 2-0

Di Redazione8 ottobre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Stefano Colantuono

Stefano Colantuono

ROMA — Vince la Roma la sfida di pranzo tra le due sbeffeggiate dell’ultimo turno. I giallorossi strappano un 2-0 grazie a Lamela e Bradley ma è Totti che sostiene tutto il peso dell’attacco giallorosso in una partita condizionata in modo totale dalle occasioni fallite nel primo tempo dalla Dea.

Zeman epura De Rossi e Osvaldo, la Roma scende in campo con tanta voglia come se dovesse spaccare la Dea, ma i primi 30 minuti di gioco sono un clamoroso inno all’Atalanta che ha però il grandissimo demerito di fallire almeno quattro nitide palle gol.

Denis al decimo minuto dimostra quello che un centravanti lanciato in campo aperto non deve mai fare e dopo uno scatto di 40 metri si lascia ipnotizzare da Stekelenburg con De Luca tutto solo alla sua sinistra. Nemmeno tre minuti più tardi Peluso impegna l’estremo romanista sul palo più vicino dopo una punizione di Moralez. Ma è al 14esimo che l’Atalanta sciupa un’altra occasione incredibile con la coppia De Luca-Moralez: il destro al volo di Maxi si stampa sulla traversa da due passi e Colantuono in panchina rimane incredulo.

La Roma alla mezz’ora passa in vantaggio grazie ad un tocco illuminante di Totti per Lamela. L’Olimpico esulta ma dovrebbe mettersi le mani nei capelli per come la formazione di Zeman gestisce la manovra offensiva e infatti anche la seconda grande occasione romanista arriva sugli sviluppi di un contropiede Lamela-Destro chiuso sulla traversa dall’attaccante giallorosso.

Nella ripresa la gara scema d’intensità, i nerazzurri non riescono a proporsi più con grande ardore e dopo il raddoppio di Bradley (errore di Consigli) inizia il Totti-show: il capitano giallorosso, capitano e trascinatore di una squadra senza né capo né coda, calcia da ogni posizione e meriterebbe il gol ma non riesce a superare Consigli.

Nel finale Colantuono mette tutti gli uomini che potrebbero cambiare volto alla gara (tranne Parra) e al 74’ arriva pure il gol che potrebbe significare nuova speranza: Denis supera Stekelenburg ma il guardalinee segnala un fuorigioco inesistente e la Dea chiude senza più squilli, rischiando pure di subire il tracollo.

“Un vero peccato – ha commentato Colantuono al termine della gara – perchè le occasioni le abbiamo avute, la partita l’abbiamo fatta noi. Dopo venti minuti potevano essere in vantaggio di due gol, ovvio che se non segni può succedere di tutto”. Al tecnico nerazzurro è piaciuta la prestazione dei suoi: “La prestazione c’è stata, abbiamo avuto piglio, autorità, ma poi non possiamo non chiudere le partite”. Sul gol regolare non convalidato a Denis, Colantuono si esprime così: “Magari avremmo perso lo stesso, magari no. Certo che sbagliare un fuorigioco così è davvero un peccato”.

Morale della trasferta capitolina? I gol bisogna segnarli quando si hanno le occasioni, altrimenti perdi pur non giocando affatto male.

Fabio Gennari

ROMA – ATALANTA 2-0
Reti: 30’ Lamela(R), 62’ Bradley (R)
ROMA: Stekelenburg, Piris, Marquinos, Castan, Balzaretti, Bradley (dal 73’ Perrotta), Tachtsidis, Florenzi, Lamela, Destro, Totti. All. Zeman
ATALANTA: Consigli, Raimondi, Matheu, Peluso, Brivio, Schelotto, Cigarini, Cazzola (dal 73’ Scozzarella), Moralez (dal 61’ Bonaventura), Denis, De Luca (dal 65’ Marilungo). All. Colantuono.
Ammoniti: Peluso(A), Tachtsidis (R), Florenzi(R), Cazzola(A)

L’Inter vince 1-0 il derby con il Milan

L'Inter vince il derby contro il Milan MILANO -- "Abbiamo il carattere di una grande". Così l'allenatore dell'Inter Andrea Stramaccioni commenta la ...

Ferrari, Montezemolo suona la carica: il titolo dipende da noi

Luca Cordero di Montezemolo MARANELLO -- Dopo la brutta batosta di Suzuka, il presidente della Ferrari Luca Cordero di ...