iscrizionenewslettergif
Sport

L’Inter batte la Fiorentina e sale al terzo posto

Di Redazione1 ottobre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Antonio Cassano dopo il gol segnato alla Fiorentina

Antonio Cassano dopo il gol segnato alla Fiorentina

MILANO — Mentre il Napoli aggancia la Juventus in vetta al campionato, l’Inter di Stramaccioni batte la Fiorentina per 2-1 nel posticipo della sesta giornata di serie A e sale al terzo posto in classifica.

I nerazzurri ottengono la prima vittoria in campionato sul terreno di San Siro, sfatando un tabù che li voleva sempre perdenti in casa. Milito su rigore e Cassano stendono i viola, che tengono la gara aperta grazie alla rete di Romulo.

Stramaccioni imposta una gara aggressiva. Conferma la difesa a tre e punta su Coutinho alle spalle del duo Milito-Cassano. I ritmi del match sono alti sin dalle prime battute ma la svolta arriva al 16esimo: mani di Rodriguez su cross di Zanetti e l’arbitro indica il dischetto del rigore.

Dagli undici metri Milito fa centro. Poi sfiora la doppietta su assist di Cassano, ma la traversa salva i viola. La squadra di Montella reagisce ma si espone a due contropiedi micidiali. Il secondo va a termine con Cassano che, servito da Coutinho e liberato da un velo di Cambiasso, a tu per tu con il portiere avversario non sbaglia.

La Fiorentina non demorde. Al 40esimo Pizarro pesca Romulo che tutto solo di testa accorcia le distanze.

Nel secondo tempo i viola partano all’assalto. La Fiorentina fa la partita, l’Inter si affida alle ripartenze. Rodriguez rimedia un secondo giallo ed esce, la squadra di Montella pur in inferiorità numerica tenta di recuperare ma l’Inter non si fa sorprendere.

Atalanta, che batosta: col Torino finisce 1-5

L'Atalanta perde in casa col Torino BERGAMO -- Una partita con tanti gol e occasioni, ma in cui l'Atalanta finisce per ...

MotoGp: vince Pedrosa, Valentino ottavo

Dani Pedrosa vince il Gran Premio d'Aragona ALCANIZ, Spagna -- E' stata una giornata decisamente storta per Valentino Rossi. Dopo la bella ...