iscrizionenewslettergif
Poesie

“Genesi” di Alda Merini

Di Redazione27 settembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Vorrei un figlio da te che sia una spada
lucente, come un grido di alta grazia,
che sia pietra, che sia novello Adamo,
lievito del mio sangue e che risolva
più quietamente questa nostra sete.
Ah, se t’amo, lo grido ad ogni vento
gemmando fiori da ogni stanco ramo
e fiorita son tutta e d’ogni velo
vo scerpando il mio lutto
perché genesi sei della mia carne.
Ma il mio cuore, trafitto dall’amore
ha desiderio di mondarsi vivo.
E perciò dammi un figlio delicato,
un bellissimo, vergine viticcio
da allacciare al mio tronco, e tu, possente
olmo, tu padre ricco d’ogni forza pura
mieterai liete ombre alle mie luci.

“La peggiore malattia” di Madre Teresa di Calcutta

Venezia-Antonio-Grimano La peggiore malattia oggi e' il non sentirsi desiderati ne' amati, il sentirsi abbandonati. Vi sono ...

“Avarizia” di Trilussa

profimedia-0055791042 Ho conosciuto un vecchio avaro, ma avaro: avaro a un punto tale che guarda li quatrini ne ...