iscrizionenewslettergif
Italia

Trovate le impronte: una pantera nei boschi del Fiorentino?

Di Redazione26 settembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Una pantera

Una pantera

FIRENZE — Impronte di un grosso felino, forse un leopardo o una pantera. E’ allarme nella zona di San Casciano Valdipesa, in provincia di Firenze, per il ritrovamento delle tracce di un misterioso predatore.

Della presenza dell’animale si parla in zona da circa 6 mesi. Numerosi sono stati gli avvistamenti. Il primo risale al marzo scorso. Ma è negli ultimi giorni che i contatti si sono fatti più frequenti e circoscritti tra i Comuni di Bagno a Ripoli e di Firenze. In quest’area sono state trovate feci, graffiature sui fusti degli alberi, resti degli animali predati. I grossi felini tendono a marcare il loro territorio in maniera evidente, spiegano gli esperti.

Il personale del Corpo Forestale, specializzato nel riconoscimento di fauna esotica, ha trovato vicino a un’abitazione delle impronte di un possibile felino. Ne ha fatto dei calchi che sono stati trasmessi a un biologo. Il responso non ha lasciato dubbi: “Potrebbero essere verosimilmente ricondotte a un leopardo o una pantera o specie similari, probabilmente di un esemplare giovane”.

Di concerto con la polizia, sono state posizionate sei trappole e intensificati i controlli notturni nella zona.

Intanto si è scoperto che l’altro felino avvistato alcuni giorni fa in Valdelsa altro non era che un grosso gatto nero, di circa 9 kg, sfuggito alla proprietaria, e scambiato da alcuni cacciatori per una pantera.

Gabbiani nel motore: atterraggio d’emergenza per volo British

L'aereo della British Airways GENOVA -- In gergo tecnico lo chiamano "bird strike". In pratica è il ben più ...

Spaccio di cocaina: arrestato il direttore Poste del Senato

Il direttore delle Poste del Senato Orlando Ranaldi ROMA -- Il direttore dell'ufficio delle Poste del Senato Orlando Ranaldi è stato arrestato dai ...