250jpg
sediovuolegif
Poesie

“Il sogno di Oblomov” di Maurizio Cucchi

Di Redazione24 settembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Sul divano
c’era un asciugamano dimenticato
e la pipa abbandonata.
Dove siamo?
È una mattinata bellissima… La casa,
gli alberi, la colombaia. Tutto
viene a gettare un’ombra lunga.
Il bambino diventa pensieroso
mentre si guarda attorno
e abbraccia ogni cosa, gli adulti
che si danno da fare nel cortile.
 Ecco, si sentono dei passi,
uno si copre il viso con il fazzoletto,
poi si getta a terra e va a sdraiarsi
sotto un cespuglio.
 Anche lui parla,
con una voce che non sembra sua.

“Veneziana” di Giorgio Caproni

3158092992_67b2b7f304Veneziana, nel fresco d'acqua dei tuoi iridati occhi, trovo l'arguta ombrata grazia d'una scena sulla laguna. E a marinai, e ...

“Il colloquio” di Ada Negri

io-ti-ho-dato-prati-di-viole-e-tu-cemento-armatoQuando ti avrò raggiunto sulla sponda del fiume di luce e tu mi chiederai che ho ...