iscrizionenewslettergif
Esteri

Il Giappone dice addio al nucleare

Di Redazione21 settembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'incidente di Fukushima

L’incidente di Fukushima

TOKIO, Giappone — Dopo la Germania e la Svizzera, anche il Giappone dice addio alle centrali nucleari. Entro i prossimi trent’anni tutte gli impianti atomici del Sol Levante verranno smantellati. Lo ha deciso la nuova direttiva sull’energia del governo.

Il Giappone punta dunque sulle energie rinnovabili. A 18 mesi dal disastro di Fukushima, Tokyo promuove la nuova strategia energetica nazionale. Nel futuro del paese, la rinuncia al nucleare e lo smantellamento, entro tre decadi, di tutte le centrali.

Il Giappone diventa il terzo paese a scegliere la strada dell’energia pulita. Il premier Yoshihiko Noda ha inaugurato la “phase out”, ovvero l’addio alla tecnologia nucleare, da qui al 2040.

L’obiettivo è di triplicare l’utilizzo di energie rinnovabili, arrivando al 30 per cento del totale, oltre a continuare il percorso di ottimizzazione del consumo di energia.

La scelta ha però un rovescio della medaglia. Inevitabile nel prossimo periodo un aumento delle importazioni di petrolio, carbone e gas naturale, che secondo i calcoli crescerà di circa 40 miliardi di dollari.

Vignette osè su Maometto: allerta in Francia

La polizia francese in allerta PARIGI, Francia -- Stato di massima allerta in Francia dopo la pubblicazione della vignette osè ...

Valanga travolge gli alpinisti: 9 morti, molti dispersi

Gli elicotteri recuperano i superstiti KATHMANDU, Nepal -- Almeno nove alpinisti sono rimasti uccise e molti sono i dispersi in ...