iscrizionenewslettergif
Politica

Saffioti: certificare i bilanci dei partiti in Lombardia

Di Redazione20 settembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Carlo Saffioti

Carlo Saffioti

BERGAMO — Il vicepresidente del consiglio regionale Carlo Saffioti, già segretario provinciale del Pdl di Bergamo, insieme al capogruppo Paolo Valentini, lancia la sfida: “I partiti che operano in Lombardia hanno uno strumento per dimostrare di non avere nulla da nascondere: far certificare il proprio bilancio da società esterne”.

Una proposta che va verso la trasparenza dei soldi ricevuti e utilizzati. “A quel punto saranno eliminati i sospetti di malversazioni e sprechi, suscitati da casi eclatanti come quello del Lazio che minano la fiducia dei cittadini nelle istituzioni” dice Saffioti.

Per questo il gruppo del Pdl in Regione ha presentato oggi una mozione che impegna l’Ufficio di Presidenza “ad attivare strumenti finalizzati ad ulteriore controllo esterno dei bilanci dei gruppi consiliari e dell’Ufficio di Presidenza tramite società certificate o collegio dei revisori”.

“Il Consiglio Regionale della Lombardia ha già approvato, nel 2008, una legge per garantire la trasparenza delle spese dei gruppi consiliari, tanto che il nostro bilancio è già certificato dalla Corte dei Conti – precisa Saffioti – Nel 2011 e 2012 sono già stati ridotti i costi del Consiglio stesso, tanto che disponiamo di una sola auto blu e abbiamo quasi azzerato le consulenze. Si può e si deve intervenire ancora, ma sia ben chiara una cosa: la Lombardia non è il Lazio, è una regione che funziona e, anche se può ancora migliorare, è già quella che costa meno ai cittadini”.

Primarie centrosinistra: sabato Matteo Renzi a Bergamo

Matteo Renzi BERGAMO -- Gianburrasca sbarca in città. Sabato 22 settembre, il candidato alla primarie del centrosinistra ...

Ma Matteo Renzi è davvero un fenomeno?

Matteo Renzi sul palco di Bergamo Qualcuno lo ha chiamato "ciclone". Altri hanno enfatizzato il suo arrivo a Bergamo quasi si ...