iscrizionenewslettergif
Italia

Omicidio di Lignano: fermata una 21enne cubana

Di Redazione17 settembre 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I carabinieri del raggruppamento scientifico

I carabinieri del raggruppamento scientifico

LIGNANO SABBIADORO — Colpo di scena nelle indagini sull’omicidio dei coniugi di Lignano Sabbiadoro Rosetta Sostero, 66 anni, e il marito Paolo Burgato, 69 anni, seviziati e torturati nella loro abitazione prima di essere uccisi.

Questa mattina i carabinieri hanno fermato una sudamericana di 21 anni. Si tratta di Lisandra Aguila Rico, di origini cubane. La ragazza è stata fermata domenica notte in Campania. Lavorava da molti anni a Lignano. È stata bloccata mentre tentava di allontanarsi per far perdere le proprie tracce. L’avrebbe incastrata l’esame del Dna e forse anche qualche intercettazione telefonica. Anche il fratello, 24 anni, è sospettato dell’omicidio, ma sarebbe fuggito all’estero, forse a Cuba, e ora viene ricercato.

I due coniugi sono stati barbaramente massacrati il 19 agosto scorso nel garage-lavanderia della loro casa, a Lignano Sabbiadoro, dopo una giornata trascorsa nel loro negozio nella località balneare friulana.

I corpi, con la gola tagliata, sono stati poi scoperti dal figlio Michele. La giovane sudamericana fermata avrebbe lavorato come commessa in un negozio vicino a quello dei coniugi uccisi. A favorire la svolta nelle indagini, gli esiti degli esami sul dna effettuati dal Ris dei Carabinieri. Subito dopo il duplice omicidio, infatti, erano stati effettuati tamponi per identificare il dna che avevano interessato numerose persone e anche esercizi commerciali di Lignano.

Precipitano in un burrone con il quad: morte due donne

L'elicottero di soccorso TRENTO -- E' finita nella maniera più tragica l'escursione in quad di due donne in ...

Neonata azzannata dal cane: nuova operazione alla testa

Un husky FIRENZE -- Sono ancora gravi le condizioni della bambina di due mesi ricoverata all'ospedale Meyer ...