iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Poesie

“A mia figlia” di Umberto Saba

Di Redazione10 agosto 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Mio tenero germoglio,
che non amo perché sulla mia pianta
sei rifiorita, ma perché sei tanto
debole e amore ti ha concesso a me;
o mia figliola, tu non sei dei sogni
miei la speranza; e non più che per ogni
altro germoglio è il mio amore per te.
La mia vita mia cara
bambina,
è l’erta solitaria, l’erta chiusa
dal muricciolo,
dove al tramonto solo
siedo, a celati miei pensieri in vista.
Se tu non vivi a quei pensieri in cima,
pur nel tuo mondo li fai divagare;
e mi piace da presso riguardare
la tua conquista.
Ti conquisti la casa a poco a poco,
e il cuore della tua selvaggia mamma.
Come la vedi, di gioia s’infiamma
la tua guancia, ed a lei corri dal gioco.
Ti accoglie in grembo una sì bella e pia
Mamma, e ti gode. E il suo vecchio amore oblia.

“Sonetto trecentodieci” di Francesco Petrarca

tissot-18 Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori e l'erbe, sua dolce famiglia, e garrir ...

“Gabbiani” di Vincenzo Cardarelli

field-6-seagulls-stan-swenson Non so dove i gabbiani abbiano il nido, ove trovino pace. Io son come loro ...