iscrizionenewslettergif
Sport

Doping: l’italiano Schwazer escluso dalle Olimpiadi

Di Redazione7 agosto 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Alex Schwazer a Pechino

Alex Schwazer a Pechino

LONDRA, Gran Bretagna — Un danno d’immagine enorme. Dopo tante belle vittorie e medaglie, la nazionale italiana e lo sport azzurro viene macchiato nel modo peggiore. Alex Schwazer, campione della marcia individuale 50 km a Pechino, è stato escluso da Londra 2012 perché positivo all’Epo.

Il test anti doping è stato effettuato il 30 luglio ad Oberstdorf, dove si stava preparando per i Giochi.

“Mi hanno beccato, il fermato per doping sono io” ha detto Schwazer. “Ho sbagliato, la mia carriera è finita qui” ha aggiunto l’atleta di Vipiteno che ha ammesso tutto, senza cercare alibi.

“Ho fatto tutto da solo e di testa mia – prosegue ancora Schwazer – e dunque mi assumo tutte le responsabilità per quello che è successo”. Inevitabile l’uscita di scena e non solo a Londra, dove è stato il Coni a non farlo nemmeno atterrare.

“La mia vita nell’atletica è finita” precisa l’atleta. “Volevo essere più forte per questa Olimpiade, ho sbagliato”. La Fidal ha preso le distanze, perché sul doping non si fanno sconti.

Il Coni sottolinea che è meglio una medaglia in meno e pulizia in più. “Ho vinto perché me lo merito, in queste condizioni non mi batte nemmeno Superman. Io sono uno che non imbroglia” aveva detto Schwazer con il tricolore sulle spalle dopo l’oro Pechino.

Orobie Skyraid: vince il friulano Tadei Pivk

L'Orobie skyraid (foto Matteo Zanga) CASTIONE DELLA PRESOLANA -- Il friulano Tadei Pivk ha conquistato la sesta edizione della Orobie ...

Il Milan tenta Kakà. L’alternativa è Tevez

Ricardo Kakà NEW YORK, Usa -- I tifosi aspettano un colpo di mercato. Dopo la partenza di ...