iscrizionenewslettergif
Politica

Mantovani: Berlusconi candidato premier? Non ha ancora deciso (video)

Di Redazione29 luglio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il senatore del Pdl Mario Mantovani, braccio destro di Berlusconi

Il senatore del Pdl Mario Mantovani, braccio destro di Berlusconi

BERGAMO — “Berlusconi non ha ancora deciso se farà lui il candidato premier o lascerà il posto a qualcun altro”. Lo ha detto il coordinatore regionale del Pdl Lombardia Mario Mantovani, durante la festa provinciale del Popolo della Libertà di Bergamo cominciata ieri sera a Ghisalba.

“Cominciamo a vincere, e poi indicheremo il presidente del consiglio. Oppure lo indicheremo cammin facendo, cercando di coinvolgere i moderati” ha detto il senatore Mantovani. “E a Casini, che parla di film dell’orrore se torna Berlusconi, vorrei dire che l’orrore è rappresentato da chi da trent’anni è in parlamento e non ha ancora fatto una riforma una”.

Il coordinatore lombardo ha fatto un’analisi della situazione politica attuale: “I partiti hanno deluso molto. A cominciare dalla Lega, che sembrava l’emblema della sacralità e della moralità, che ha dato un esempio straordinariamente devastante per quanto riguarda l’organizzazione dei partiti”.

Quanto all’ipotesi di un nuovo partito Mantovani, che ha un feedback diretto con il Cavaliere ha detto che “Berlusconi ha l’allergia ai partiti tradizionali, perché teme quello che l’opinione pubblica ne pensa. Per questo sul tema partito dobbiamo essere chiari: deve essere fatto con regole chiare, da gente per bene, che ha a cuore il bene comune. Se invece deve essere il luogo di interessi personali, distanti dal bene di tutti, il partito non serve assolutamente a niente”.

Sulla questione settentrionale, il coordinatore lombardo ha detto che nei giorni scorsi ha costituito un “tavolo del Nord” con i coordinatori di Veneto e Piemonte. Ma ha voluto essere chiaro sul progetto: “Se la Lega pensa di far cadere Formigoni è automatico che cadano anche le altre due regioni: Veneto e Piemonte. Non è più il tempo delle furbizie”.

Alcuni personaggi che sono nel Pdl ci fanno vergognare. Sarebbe meglio che se ne andassero.

Vertova: questo Pd non è più di sinistra

Pietro Vertova BERGAMO -- Riceviamo e pubblichiamo questo intervento da parte del candidato sindaco di Bergamo per ...

Sondaggi: il Pdl recupera e sale sopra il 20 per cento

Silvio Berlusconi MILANO -- Eppur si muove. Nonostante i sette punti di svantaggio rispetto al Pd, il ...