iscrizionenewslettergif
Sebino

Adiconsum: bolletta del gas impazzita a Trescore

Di Redazione27 luglio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Bolletta del gas impazzita a Trescore

Bolletta del gas impazzita a Trescore

TRESCORE — “Le bollette del gas italiane sono le più care d’Europa e il consumatore deve già sobbarcarsi costi notevoli, a causa di una politica tariffaria sempre più esosa. Se poi, come spesso succede, le società fanno pagare consumi presunti, nettamente superiori a quelli reali, al danno si aggiungono le beffe. E’ quello che sta capitando a Luigi Facchinetti di Trescore Balneario, che è un cliente di anni della Eas (Energia ambiente servizi) e che si è visto recapitare bollette del gas elevate, con consumi stimati ben superiori alla lettura reale del contatore”. E quanto rilevato dal segretario generale di Adiconsum Bergamo Eddy Locati.

“L’ultima bolletta arrivata è di € 745 e si riferisce ad un consumo stimato, al 30 aprile di 33.952 mc, quando la lettura del contatore al 20 luglio era di 33.771 mc. In pratica la Eas, tre mesi fa, già calcolava un consumo superiore di 181 mc rispetto all’ attuale. Il cliente è stato negli uffici della Eas di Trescore Balneario – racconta ancora Locati -. Noi abbiamo contattato il call center, per evidenziare questa assurda anomalia, chiedendo che l’ultima bolletta venisse annullata, per emetterne una rapportata all’effettivo consumo di gas. Ma, fino ad ora, non c’è stato nulla da fare”.

“La Eas non ha neanche tenuto conto della lettura che il cliente ha lasciato presso la sede di Trescore Balneario, adducendo motivazioni insostenibili, per giustificare una richiesta di pagamento così superiore al consumo effettivo. Abbiamo fatto presente che forse l’errore sta in un calcolo sbagliato del consumo stimato, (comunque sballato rispetto ai consumi 2011 riportati in fattura): infatti i consumi reali, fino al Dicembre 2009, erano ben superiori a quelli attuali, perchè in casa viveva la moglie di Facchinetti, affetta da grave patologia e richiedente un maggior consumo di gas. Ma dal Gennaio 2010, tale situazione cambiò radicalmente, a causa del decesso della signora”.

Insomma, nonostante l’evidente errore di calcolo, la società pretende che il cliente paghi le fatture così come sono, per poi, successivamente, conguagliarle con il consumo reale. “No, questa è una beffa bella e buona – conclude Locati – e andremo fino in fondo per tutelare i sacrosanti diritti degli utenti”.

Masso di 10 quintali precipita sulla strada

Il masso precipitato sulla strada RIVA DI SOLTO -- Per fortuna in quel momento non passava nessuno. Un masso di ...

Sarnico, è qui per spot: caccia aperta a George Clooney

George Clooney su un motoscafo SARNICO -- Per tutta la giornata, i turisti che ieri hanno visitato le sponde del ...